×

Aggredirono agenti di polizia: arrestati 7 anarchici

Sette anarchici sono stati arrestati dalla Digos di Torino per un'aggressione effettuata contro alcuni agenti della polizia

default featured image 3 1200x900 768x576

La Digos di Torino ha eseguito sette misure di custodia cautelare (cinque in carcere e due divieti di dimora) nei confronti di altrettanti anarco-insurrezionalisti per una vicenda avvenuta lo scorso 6 aprile.

Sette anarchici arrestati dalla Digos di Torino: i motivi

Sette anarchici sono finiti in manette dopo un blitz effettuato dalla Digos di Torino. Gli agenti, infatti, hanno eseguito sette misure cautelari, di cui cinque in carcere e due divieti di dimora, nei confronti di altrettante persone per quanto è avvenuto lo scorso 6 aprile ai Giardini Madre Teresa di Calcutta, tra Corso Giulio Cesare e Corso Vercelli.

In quella occasione, infatti, gli anarchici aggredirono un gruppo di militari del Commissariato Dora Vanchiglia.

Gli agenti in quel momento erano impegnati in un’operazione antispaccio e stavano identificando tre persone nigeriane, quando furono lanciati contro di loro diversi oggetti e bottiglie. A causa degli scontri due degli agenti impegnati nel servizio rimasero feriti.

Sempre durante la stessa aggressione avvenuta lo scorso 6 aprile, furono rovesciati alcuni cassonetti della spazzatura e poi furono anche incendiati, con l’intento di impedire il passaggio delle forze dell’ordine al grido di: “Via gli sbirri dal quartiere”.

La polizia era riuscita a fermare e a fermare alcuni dei protagonisti di quella aggressione.

Come già detto in precedenza, gli agenti della Digos di Torino hanno eseguito misure cautelari nei confronti di sette anarco-insurrezionalisti coinvolti nell’aggressione dello scorso aprile. La Digos, dopo i sette arresti, ha fatto irruzione nello stabile presente in Corso Giulio Cesare 45, che da circa un anno è stato occupati dalle persone arrestate. Alcune di esse per cercare di fermare lo sgombro hanno provato anche a salire sul tetto dell’edificio e per questo motivo è stato reso necessario l’intervento da parte dei vigli del fuoco.

Attentato di Capodanno: in manette otto anarchici

Quella avvenuta all’alba della giornata di oggi è stata solamente l’ultima operazione effettuata dagli agenti di polizia che ha portato all’arresto di persone facenti parte dell’ambiente anarchico.

Nella giornata di ieri, infatti, altre otto persone sono state arrestate con l’accusa di tentato omicidio per l’attentato avvenuto a Capodanno a Firenze in un centro culturale di destra, a causa del quale un artificiere che si era avvicinato alla bomba rimase gravemente ferito, perdendo un occhio e una mano.

L’attacco avvenne lo scorso 1 gennaio, quando un ordigno rudimentale fu inserito tra le maglie della saracinesca della libreria “Il Bargello”.

Contents.media
Ultima ora