> > Aggredita e punta alla schiena da uno sconosciuto: "Dovrò sottopormi ai test...

Aggredita e punta alla schiena da uno sconosciuto: "Dovrò sottopormi ai test per Hiv ed epatite"

Siringa

Una donna di quarant’anni ha raccontato di essere stata punta alla schiena da uno sconosciuto in pieno centro storico a Roma.

Una donna di quarant’anni ha raccontato di essere stata aggredita e punta alla schiena da uno sconosciuto in pieno centro storico a Roma.

La donna dovrà sottoporsi ai test per l’hiv e l’epatite.

Aggredita e punta alla schiena da uno sconosciuto: “Dovrò sottopormi ai test per Hiv ed epatite”

Una donna ha raccontato, in un’intervista all’Adnkronos, di essere stata aggredita e punta con un ago da uno sconosciuto mentre si trovava in pieno centro storico a Roma., in via Brunetti.

Stava togliendo la catena alla bicicletta, le si è alzata la giacca sulla schiena e ha sentito una puntura. “Non so cosa fosse esattamente, forse una piccola siringa ma sono certa che fosse un ago. Ho alzato lo sguardo e ho visto un uomo allontanarsi” ha dichiarato. L’aggressione è avvenuta in pieno giorno. La donna, madre di due bambine, appena si è resa conto di quello che è successo ha inseguito l’uomo in bicicletta.

Quello che mi è successo è sconvolgente. Mi sono spaventata e sono rimasta come impietrita, avevo paura che potesse farmi del male, però l’ho seguito con lo sguardo” ha spiegato.

L’uomo è scomparso nella folla

La donna è riuscita a raggiungerlo e riprenderlo con il cellulare, ma l’uomo se ne è accordo ed è scappato tra la folla. Nel video si vede una persona con una cresta, uno smanicato nero, una felpa beige e un pantalone chiaro.

Sono fortunata perché non è uscito sangue, anche se la parte dove sono stata punta si è gonfiata. Ora dovrò comunque sottopormi ai test per hiv ed epatite” ha spiegato la donna, che dopo aver perso di vista l’uomo è andata subito allo Spallanzani. Ha raccontato di essere rimasta traumatizzata e che denuncerà tutto alle autorità. “Ieri piangevo ed ero disperata ma sporgerò denuncia perché la stessa cosa potrebbe capitare a chiunque, anche a qualche bambino” ha spiegato.