×

Agguato a Napoli, morto un uomo a Ponticelli: i parenti distruggono l’ospedale

Un agguato in piena regola è avvenuto nel quartiere Ponticelli di Napoli. Un uomo è morto e i parenti hanno letteralmente vandalizzato l’ospedale.

Agguato Napoli

Un grave agguato è avvenuto durante la serata di mercoledì 11 agosto 2021 nel quartiere Ponticelli, a Napoli. La zona della periferia orientale del capoluogo campano è stata teatro di un omicidio. La vittima si chiamava Salvatore Di Martino e aveva 45 anni.

Un altro uomo è rimasto invece ferito. 

Agguato a Ponticelli, cosa è accaduto 

Entrambe le persone coinvolte nell’agguato accaduto nella zona di Ponticelli erano già noti alle forze dell’ordine. Secondo gli inquirenti sarebbero persone vicine al clan De Luca Bossa. L’avvenimento è avvenuto in via Camillo De Meis. Dopo l’arrivo dei soccorsi uno dei due feriti è stato trasportato presso la clinica Villa Betania: il 45enne è morto dopo essere giunto nel nosocomio. 

Agguato a Ponticelli, parenti dell’uomo distruggono ospedale

I parenti della vittima, giunti sul posto, hanno sfasciato l’ospedale. La persona ferita, invece, è stata ricoverata all’ospedale del Mare: non sarebbe in gravi condizioni. Quanto accaduto all’interno della struttura sanitaria è stato denunciato dall’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate” su Facebook. “Momenti di terrore al pronto soccorso di Villa Betania, paziente muore con un colpo di pistola e i parenti sfasciano il pronto soccorso. I familiari della vittima, portata al pronto soccorso, hanno cominciato a sfasciare tutto quando hanno appreso la notizia della dipartita del parente” si legge in Rete.

Agguato a Ponticelli, altri episodi 

Un altro simile episodio è avvenuto di recente nella stessa zona. Il bilancio è di un morto e un ferito a causa dell’agguato. Via Esopo è diventata teatro di un agguato in piena regola. La polizia è intervenuta in seguito di una segnalazione giunta al numero di emergenza. Gli agenti giunti sul posto hanno trovato due persone ferite a terra. Ad avere la peggio è stato un 29enne che è morto a causa di diversi colpi di arma da fuoco che lo hanno colpito nelle zone vitali.

Il ragazzo è deceduto dopo il ricovero presso Villa Betania. La persona ferita è stata invece curata e trasferita all’ospedale del Mare.

Nel mese di maggio, via Camillo De Meis, è esplosa una bomba. Si tratta del terzo ordigno scoppiato in pochi giorni e sarebbe riconducibile alla faida di camorra tra i De Martino e l’alleanza guidata dal clan De Luca Bossa. La tensione cresce nel quartiere della città di Napoli: polizia indaga per ricostruire quanto accaduto. 

Contents.media
Ultima ora