×

Aifa, sono circa 100mila le segnalazioni di reazioni su 84milioni dosi somministrate, l’85,4% non gravi

Il nono Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini Covid-19, pubblicato oggi dall’Aifa, rileva che le segnalazioni gravi corrispondono al 14,4% del totale.

Aifa, circa 100mila segnalazioni di reazioni su 84milioni dosi

É stato pubblicato oggi dall’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, il nono Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini COVID-19. Da esso emerge che nel periodo che va dal 27 dicembre 2020 al 26 settembre 2021, sono 101.110 le segnalazioni di sospette reazioni avverse ai vaccini anti-Covid su un totale di 84.010.605 dosi somministrate.

Covid, Aifa: circa 100mila segnalazioni di reazioni su 84milioni dosi

Di queste 101.110 segnalazioni l’85,4% si riferisce a eventi non gravi, ad esempio come dolore in sede di iniezione, febbre, astenia o stanchezza, dolori muscolari. Infatti, le segnalazioni gravi corrispondono al 14,4% del totale, con un tasso di 17 eventi gravi ogni 100.000 dosi somministrate. 

Stando anche ai vecchi Rapporti pubblicati, l’Aifa in una nota ha spiegato che a prescindere dal vaccino, dalla dose e dalla tipologia di evento, la reazione si è verificata nella maggior parte dei casi, quindi circa nel 76%, all’interno della stessa giornata in cui si è ricevuta la dose o al massimo il giorno successivo.

Soltanto più raramente oltre le 48 ore.

Aifa, circa 100mila segnalazioni di reazioni su 84milioni dosi: Comirnaty il più somministrato

Al momento è questo l’ordine dei vaccini più utilizzati nella campagna vaccinale italiana:

  • Comirnaty 71,2%,
  • Vaxzevria 14,5%,
  • Spikevax 12,5% 
  • COVID-19 Vaccino Janssen 1,8%.

Di conseguenza, la ripartizione delle segnalazioni per tipologia di vaccino segue quella delle somministrazioni: Comirnaty 68%, Vaxzevria 22%, Spikevax 9%, COVID-19 vaccino Janssen 1%.

Per qualunque vaccino gli effetti collaterali più frequenti e segnalati sono febbre, stanchezza, cefalea, dolori muscolari/articolari, reazione locale o dolore in sede di iniezione, brividi e nausea.

Per quanto concerne, invece, le vaccinazioni cosiddette eterologhe a persone al di sotto di 60 anni, ai queli era stato somministrato Vaxzevria come prima dose, sono pervenute 262 segnalazioni, su un totale di 644.428 somministrazioni. Non è il caso di dimenticare, infatti, che la seconda dose è stata poi effettuata nel 76% dei casi con Comirnaty e nel 24% con Spikevax.

Il tasso di segnalazione è di 40 ogni 100.000 dosi somministrate. 

Aifa, circa 100mila segnalazioni di reazioni su 84milioni dosi: 3,7% i casi di mortalità

In conclusione, quindi, nel periodo 27 dicembre 2020 – 26 settembre 2021, i 16 casi di mortalità, pari al 3,7%, sui 435 valutati sono legati ai vaccini Covid, di cui 14 già descritti nei Rapporti precedenti. Le restanti 2 segnalazioni si riferiscono a 2 pazienti di 76 e 80 anni con condizione di fragilità per pluripatologie, deceduti per Covid, a seguito della somministrazione della seconda dose. 
   

Contents.media
Ultima ora