×

Alanis Morissette rivela: “A 15 anni fui vittima di una violenza sessuale di gruppo”

Alanis Morissette rivela: “A 15 anni fui vittima di una violenza sessuale di gruppo”. L'episodio narrato in un docufilm presentato al festival del cinema

Alanis Morrisette

La rivelazione di Alanis Morissette è di quelle che lasciano il segno: “A 15 anni fui vittima di una violenza sessuale di gruppo”, uno spaccato di vita intimo e tremendo su cui la cantante canadese ha trovato la forza di parlare all’interno del  documentario “Jagged” presentato a Toronto.

La Morissette ha dovuto affrontare diversi anni di terapia prima di trovare la forza di ammettere con se stessa che quella cosa era successa e soprattutto che andava superata. 

Morissette: “Io vittima di violenza sessuale”, lo rivela di un docufilm presentato a Toronto

La 47enne stella del rock è comunque uscita allo scoperto ed ha rivelato quella violenza subita da adolescente e il documentario di HBO al Toronto International Film Festival 2021 le è servito come luogo “terapeutico” per liberarsi da quel greve fantasma.

Alanis non ha mai rivelato i nomi dei suoi violentatori ma ha spiegato nel docufilm: “Dicevo sempre che ero consenziente. Poi mi veniva ricordato, ‘Ehi, avevi 15 anni, non sei consenziente a 15 anni'”. 

La violenza sessuale di cui fu vittima Morissette e di cui parlò con chi non le credette

Poi la consepevolezza magari prima negata per vergogna: “Ora penso, ‘Oh sì, sono tutti pedofili. È uno stupro di minore”.

All’epoca, per ammissione della stessa cantante, quell’episodio venne rivelato ad alcune persone della sua cerchia più intima, ma la Morissette ha spiegato non essere mai stata “creduta o realmente ascoltata”. La cantautrice è madre di tre figli e vincitrice di 7 Grammy, ha venduto decine di milioni di copie di dischi e non era nuova al tema della violenza sessuale, dato che lo aveva affrontato spesso in merito alla sua pervasività nel mondo della musica e dello showbiz, però non aveva mai rivelato di essere stata lei stessa una vittima. 

Alanis Morissette, la vittima di una violenza sessuale e la società che “non ascolta”

E ha spiegato: “Molte persone dicono ‘perché quella donna ha aspettato 30 anni?’ Non hanno aspettato 30 anni. Nessuno le ascoltava oppure la loro vita era minacciata o era minacciata la loro famiglia”. Poi la chiosa amara, quella che dovrebbe diventare paradigma da leggere e rileggere: “Tutta la cosa del ‘perché le donne aspettano?’ Le donne non aspettano. È la nostra cultura che non ascolta“. 

Contents.media
Ultima ora