×

Alex Ricci presenta il nuovo album, “La verità”: “Mia figlia è l’inconsapevole ispiratrice delle mie canzoni”

“Il mio nuovo album è un lavoro sincero e curato”: così nell’intervista esclusiva Alex Ricci, chitarrista degli Aprés La Classe, ha raccontato il suo progetto.

Alex Ricci La verità

Entusiasmo contagioso e delicatezza sincera sono due delle caratteristiche che meglio connotano la personalità di Alex Ricci, musicista raffinato e dalla fine sensibilità artistica. Chitarrista degli Aprés La Classe, Alex Ricci presenta il nuovo album, “La verità”, con feat. importanti come Erica Mous, Carmine Tundo (La Municipal) e Aprés La Classe.

Alex Ricci presenta il nuovo album, “La verità”

11 canzoni a metà strada tra il pop e il folk con suggestioni indie e rock, il disco, prodotto da Raffaele “Rufio” Littorio (Lauro, Emma, Fedez), è un racconto interiore tra ricordi custoditi con cura, momenti felici e amori perduti. Ma c’è spazio anche per la memoria, come quella della tragedia di Rigopiano (“La neve”), che spezzò le vite di 29 persone e che Alex, da abruzzese, ha vissuto con intenso dolore.

L’Abruzzo è anche cantato in “Il Gigante”, brano dedicato al Gran Sasso.

A proposito del progetto, Alex Ricci ha dichiarato: “”La verità” è il mio secondo album da solista. Riascoltarlo a distanza di qualche mese mi riempie di gioia e di orgoglio. Ho avuto la fortuna di lavorare per 2 anni a fianco di un grande talento, Raffaele “Rufio” Littorio, che ha curato la produzione artistica in ogni dettaglio, arrivando fino all’essenza della mia musica, creando un album ricco di sonorità attuali miscelate ai suoni vintage e acustici che io adoro.

11 tracce tutte diverse, ognuna racconta la propria storia.

Alex Ricci La verità

Nell’intervista esclusiva Alex ha spiegato come l’album ha preso forma. “È un lavoro sincero e curato, ho voluto eliminare i difetti di produzione presenti nel mio primo album da solita.

Mi sono affidato a Rufio, il mio produttore, al fianco del quale ho lavorato al disco per due anni e con cui ho fatto il salto di qualità che necessitavo. Rufio mi ha guardato con occhi esterni, offrendomi la sua professionalità e il suo talento, mostrando piena sintonia nei confronti della mia musica. Dal 2014, con la nascita di mia figlia, ho ritrovato l’ispirazione che mi ha portato a scrivere. Lei è inconsapevole ispiratrice dell’album. Dopo la presentazione del disco, in teatro, anche lei si è emozionata tantissimo e ora continua a chiedermi di ascoltare le mie canzoni. Si è sentita coinvolta e mi emoziona il suo entusiasmo. È un disco che crescerà giorno dopo giorno. È frutto di un lungo lavoro e tanta dedizione. Il mio desiderio è che possa arrivare a quante più persone possibili, ha dichiarato.

Che valore ha per Alex la verità oggi? “La verità è che eravamo liberi, recito nell’omonima canzone. La verità è forse un mondo più libero, che può essere ritrovato nei bambini. Anche nei bimbi che noi stessi eravamo. Oggi appare sempre più difficile trovare la libertà, che viene sempre più spesso negata”.

Sul suo lavoro da solita e di gruppo, ha commentato: “Per me è un grande sforzo presentarmi davanti al pubblico con un progetto da solista, anche se mi piace tantissimo farmi conoscere nei panni di cantautore e naturalmente mi trovo benissimo nei panni di chitarrista. Spero di poter presto tornare a suonare”.

Alex Ricci, dall’album “La verità” ai prossimi progetti

Alex Ricci, chitarrista, cantautore, compositore e autore, inizia a suonare a 9 anni. Oggi è considerato uno tra i migliori chitarristi blues italiani. Nel 2004 partecipa al Pistoia Blues Festival. Nel 2006 suona con Dywane Thomas (padre di MonoNeon), parte per Londra, si esibisce nei club della capitale e frequenta il bluesman Otis Grant. Dal 2007 è il chitarrista degli Après la Classe, lavora a quattro album e ai tour in Italia e all’estero (USA, EU). Nel 2008 riceve il “Premio Lorenzo Vecchiato” come migliore artista blues. Nel 2013 presenta il primo album, “Gonna Rossa”, 11 canzoni blues/rock/pop.

Nel 2014 nasce Idea Sonica, la sua scuola di chitarra a Giulianova (TE). Nel 2015 si aggiudica il secondo posto come miglior chitarrista della scena indipendente. Nel 2018 collabora con il Bluesman Corey Harris, fino al nuovo album, “La verità”, uscito il 3 dicembre 2021.

Affianco all’entusiasmo per il nuovo progetto non mancano i pensieri rivolti al futuro. A tal proposito ha commentato: “Mi piacerebbe tanto, nel corso dei prossimi mesi, intraprendere un progetto diverso da quello fatto. Per esempio, un disco blues in italiano. Un album dalle sonorità americane, ma nella nostra lingua. Senza elettronica, ma solo pochi musicisti che si incontrano in uno studio e in pochi giorni preparando un album. Quasi fosse un live, senza troppi ritocchi, ma trasformando in musica le emozioni del momento.

Contents.media
Ultima ora