Alimenti per combattere l’artrosi - Notizie.it
Alimenti per combattere l’artrosi
Guide

Alimenti per combattere l’artrosi

In Italia ci sono circa quattro milioni di persone che soffrono di artrosi, una malattia cronica e degenerativa che colpisce sia le ossa che le articolazioni, con una maggiore incidenza su alcune parti del corpo come le mani, i piedi e la colonna vertebrale. Si tratta di una patologia dolorosa e invalidante, che però può essere prevenuta e contrastata con una dieta ben bilanciata ed uno stile di vita corretto che preveda attività fisica costante e ritmi regolari. Tra i fattori di rischio ci sono obesità, sedentarietà e stress.

La dieta è importante: è bene non introdurre più di 300 milligrammi al giorno di colesterolo attraverso la dieta. I cibi più a rischio da questo punto di vista sono: crostacei, latticini, salumi, uova, carni grasse e frattaglie. Preferite invece gli alimenti vegetali: via libera a frutta, verdura e legumi, in quanto il loro contenuto di fibre limita l’assorbimento dei grassi da parte dell’intestino.

I legumi, abbinati ai cereali, sostituiscono molto bene le proteine della carne.

Ottimi anche i cibi contenenti grassi insaturi, abbassano il livello del colesterolo totale e, in alcuni casi, potrebbero innalzare anche quello del colesterolo Hdl. Sono presenti negli oli vegetali, nella frutta secca, nelle alghe e nel pesce azzurro. Per prevenire e combattere l’artrosi è necessario stabilizzare i livelli di glicemia riducendo l’apporto di carboidrati ad alto indice glicemico (Ig), per lo più in: farina, pane, cereali raffinati, pasta, pizza, dolci e focacce. No anche a sciroppi, zucchero, bibite dolcificate e bevande alcoliche.

Vario e ben bilanciato, il menù giornaliero prevede tre pasti principali (colazione, pranzo e cena) e due spuntini più frugali durante la giornata. Per fare il pieno di antiossidanti gli esperti consigliano di mangiare ogni giorno almeno cinque porzioni di vegetali di stagione. E’ inoltre consigliato ridurre al minimo il consumo di formaggi stagionati e preferire invece quelli freschi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*