×

Amanda Knox si racconta in un libro

Amanda Knox – condannata in primo grado a 26 anni di reclusione per l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercker – si racconta nel libro di cui è autore Rocco Girlanda, deputato e presidente della Fondazione Italia Usa, Io vengo con te – Colloqui in carcere con Amada Knox”. Nel volume – che sarà presentato il prossimo 26 ottobre alla Camera dei Deputati anticipato in alcuni stralci dall’ ANSA – Amanda quasi tralascia la sua vicenda giudiziaria, ma affida la sua angoscia ad alcune frasi brevi, ma decise: “io voglio vivere“, . La Knox affida alle pagine del libro i suoi sogni, la sua vita in carcere, i suoi desideri e i progetti che nonostante la reclusione continua a coltivare.”Mi manca la mia famiglia”, racconta Amanda.

Per il compleanno sogna un solo regalo: “La libertà. Tutte le cose della vita non sono le stesse – dice – senza la cosa più importante”. “Quando tutto sarà finito – dice Amanda – voglio andare dalla mia famiglia, che mi manca tanto, ma poi voglio tornare in Italia, perché qui sono stata bene“. E aggiunge: “Io non ce l’ho in alcun modo con l’Italia, ci sono tantissime persone in Italia che mi hanno aiutato e mi sono state vicine. Io ce l’ho con la condanna che ho avuto”.

“Sono arrivata in Italia nel settembre del 2007”, racconta Amanda, per un corso per scrittore creativo a Roma. Due mesi dopo il carcere: “Vivere in carcere è molto particolare, ci si deve un po’ chiudere in sé stessi perché altrimenti…

Qui ci sono moltissime persone che soffrono. Vivere qui dentro è come un limbo, poiché ovviamente non si vuole essere qui: si vive un po’ tra le memorie di come era la vita prima, fra le speranze che si vogliono per il domani. “. Vorrei sposarmi, più avanti, e devo anche trovare la persona. Ma una cosa che ho sempre voluto è quella di adottare un bambino”, dice Amanda. Dalle pagine del diario traspare la convinzione che tutto si risolverà e che Amanda possa tornare ad essere la giovane studentessa che era prima del delitto atroce che l’ha portata in carcere. Anche se la condanna a 26 anni pesa su di lei come un macigno.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche