Anche Noyz Narcos come Jamil gli risponde su un beat: fuori ora Lobo
Anche Noyz Narcos come Jamil gli risponde su un beat: fuori ora Lobo
Musica

Anche Noyz Narcos come Jamil gli risponde su un beat: fuori ora Lobo

Noyz Narcos - Lobo
Noyz Narcos - Lobo

Anche Noyz Narcos come Jamil gli risponde su un beat: fuori ora Lobo. Dopo Jamil tocca a Noyz rispondere con un beat e lo fa sul serio.

Dopo tutte le provocazioni dell’avversario Jamil e il suo invito a Noyz di rispondere sopra un beat, il rapper romano dopo aver riso un po’ per rispondere a Jamil, ha finalmente risposto con un beat e un testo.

E’ uscita ora, pochissime ore fa, la sua nuova canzone che prende il nome di Lobo.

Ecco le parole di Noyz Narcos e il video della canzone:

Tutti a casa quando piovono ‘ste rime grezze
Il suono di cantine lerce
Il fumo acido della merce
In giro con venti da cinquanta carte
Bravi ragazzi tengono i contatti da una parte
In tasca tengo più del necessario
Mi vedi come cazzo vivo, osserva il divario
Nel mio diario, tengo appuntato quanto vale ciascuno di loro
Non sai luccicare, a zì fai ‘n sarto dal compro oro
‘Sta strada m’ha scassato ‘r cazzo
E ancora grindo come un ventenne
Chicco non ci fotti assieme a doppia N
Sono in questo locale buio con le strobo
Vedi un lupo, vedi il mio logo
Narcos rap, El Lobo
Nel teschio, un quadro complesso
La mia analisi di oggi
È che ripagano soltanto l’oro e gli orologi
Vuoi fare i soldi con ‘sta merda
Prima magnate ‘sta merda
Non sei ‘na stella
Manco ‘na bella scoperta
Questa merda è epocale, è un jackpot
L’uomo è ingordo, difficile da dire quando arrivi al top
Non c’è top, c’è di meglio, resta sveglio
Non fotti la mia roba, perdi tempo

la gente fa le storie su Insta, su Instagram
E poi ci stanno gli stronzi che si sbattono pure a fare il montaggino e metterlo su YouTube
Quindi capito sono occasioni pure per farsi vedere
Ma che te ne fotte Manue’
È normale, ma quale dissing, dissing u’ cazz’
Cerco lo sguardo di chi non conosco, almeno è neutrale
Difficile incrociarne uno leale
Imparati a nuotare in queste acque
Al grido di chi è più vero, la folla tacque
‘Sto stronzo nacque nel ’79 in mezzo al Tevere
Ci metto la mia intera vita in questa merda
Sempre che ci vuoi credere
Divido il pane, moltiplico le ostriche e ricciole
Questi ragazzi andranno in cielo in jet, se Dio lo vuole
Questi ragazzi c’hanno un posto perché l’hanno preso
Non importa in quale modo, basta che se lo so’ preso
Teso come corde, viole della morte per la tua figura
Due mie sedici barre sona sepoltura
L’effige del mio gruppo ha fatto scuola
Ma poi l’invidia suona
I soldi uccidono, la crew muore da sola
Un morto dalle labbra viola
Affiora sulle mie sponde
Il marchio dell’infamia sulla fronte
Non mi confonde co’ ‘sti scrausi
Prendono gli applausi giusto a casa loro
Co’ ‘sta track me li divoro
Questo rap è il mio lavoro
Te chiudo in una bara co’ ‘na mezza barra
Chicco impara
Dissi me? C’hai il disrespect di tutta Italia
Check out
L’hip-hop italiano bella pagliacciata
Minchia l’ultimo bong l’ho fumato nel 2000

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche