×

Animali in corsia

default featured image 3 1200x900 768x576
animali ospedale

Negli ultimi tempi molti ospedali si sono attrezzati per poter aprire le porta anche agli animali domestici dei pazienti ricoverati. In alcuni ospedali italiani questo provvedimento è già attivo da qualche anno, come a Genova, Torino e Prato. E proprio da quest’ultima città che l’assessore alla salute della Toscana, ha preso esempio per invitare tutti gli ospedali toscani a fare la stessa cosa. È stato varato, infatti, il provvedimento che permette l’ingresso degli animali nelle corsie ospedaliere, una zona da sempre considerata off limits per loro.

Spesso le persone hanno con se un animale domestico che fa loro compagnia, a cui sono affezionati e che durante un periodo di degenza in ospedale non possono stare con loro. Nei casi in cui ci si è molto legati, si sente particolarmente questa mancanza. Il fatto di dover portare l’animale domestico in visita al proprio padrone è considerato da molti esperti come uno stimolo in più per la guarigione del paziente.

Un supporto psicologico importante che potrebbe fare la differenza.
Ovviamente ci sono delle regole fondamentali che bisogna seguire:
-non possono entrare nei reparti di terapia intensiva;
-gli animali devo essere sani e puliti;
-sono esclusi i volatili;
-i cani devono avere museruola e guinzaglio;
-deve essere presente un accompagnatore;
-gli animali non devino disturbare gli altri pazienti;
-c’è bisogno di un’autorizzazione.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora