×

Annalisa Minetti: “Grazie a Elèna potrei tornare a vedere”

Condividi su Facebook

Annalisa Minetti ha presentato la figlia Elèna a Domenica Live e ha dichiarato che la bambina potrebbe restiturle la vista.

Annalisa Minetti con la figlia Elèna a Domenica Live
Annalisa Minetti con la figlia Elèna a Domenica Live

Annalisa Minetti ha presentato per la prima volta la figlia Elèna in televisione a Domenica Live. La bambina è nata il 29 marzo ed è stata descritta dalla madre come un vero miracolo. La Minetti infatti ha dichiarato di aver conservato il cordone ombelicale della figlia: le sue cellule staminali potrebbero, un giorno, permetterle di tornare a vedere.

Annalisa Minetti e la figlia

La nascita di Elèna è stata un vero miracolo per Annalisa Minetti. Lo ha dichiarato lei stessa a Domenica Live, dove ha presentato per la prima volta la bambina in televisione. “La nascita di Elèna è stato un altro piccolo miracolo della mia vita”, ha commentato.

Elèna è nata il 29 marzo 2018. È secondogenita della Minetti, ma la prima figlia con l’attuale marito Michele Panzarin.

Il primo figlio, Fabio, 9 anni, è il frutto del precedente matrimonio. La bambina è arrivata dopo che Annalisa ha avuto un aborto spontaneo: un dolore immenso che le aveva tolto la speranza di poter avere altri figli. “È arrivata lei, quando non ci credevamo più. Ho aspettato tanto a dirlo, non volevamo dirlo a nessuno per paura”, ha raccontato la cantante.

“Potrei tornare a vedere”

Ma la nascita di Elèna è “un piccolo miracolo” anche perché grazie a lei Annalisa Minetti potrebbe tornare a vedere.

La cantante e atleta paralimpica, infatti, soffre di una malattia congenita, la retinite pigmentosa. Si tratta di una patologia genetica che porta ad una graduale perdita della vista. La malattia è destinata a peggiorare negli anni e al momento non esiste una cura. La retinite pigmentosa è stata diagnosticata ad Annalisa quando aveva solo 18 anni e da quel momento ha dovuto imparare a convivere con la malattia, ma non ha mai perso la speranza.

“Nella ricerca sulle staminali ci sono tantissime speranze per quanto riguarda la retinite pigmentosa”, ha dichiarato la cantante a Domenica Live. “Sono in attesa di fare un’operazione. Se anche non vedo più, ho alcuni recettori ancora vivi e dobbiamo mantenerli vivi il più possibile”.

Il cordone ombelicale

Il recupero della vista potrebbe essere possibile proprio grazie a Elèna. O, più precisamente, grazie al suo cordone ombelicale. Nel cordone infatti sono presenti cellule staminali in grande quantità.

Queste particolari cellule potrebbero rivelarsi fondamentali per mantenere in vita i recettori degli occhi di Annalisa. “Le staminali possono essere una speranza in più per il buon esito dell’operazione”.

La Minetti ha dichiarato che conservare il cordone della figlia “è stata una delle cose più intelligenti che potessi fare, è un dono che Elèna ha fatto a me e che io faccio alla mia famiglia“.

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.