> > Antartide: si è staccato un pezzo di ghiaccio grande quanto Londra

Antartide: si è staccato un pezzo di ghiaccio grande quanto Londra

antartide-si-e-staccato-un-pezzo-di-ghiaccio-grande-quanto-londra

Un altro pezzo di ghiaccio s'è staccato in Antartide: è grande quanto Londra. I motivi dietro al distacco sono in realtà del tutto naturali.

Un altro pezzo di ghiaccio s’è staccato in Antartide: è grande quanto Londra.

I motivi dietro al distacco sono in realtà del tutto naturali.

Antartide: si è staccato un pezzo di ghiaccio grande quanto Londra

Il distacco di questo pezzo di ghiaccio è notevole: oltre 1.550 chilometri quadrati, e spesso 150 metri. Praticamente ha dimensioni paragonabili a quelle dell’intera area metropolitana di Londra.

La rottura ha avuto luogo domenica 22 gennaio tra le 19:00 e le 20:UTC, durante una marea primaverile.

Antartide, i cambiamenti del ghiacciaio Brunt

Si tratta del secondo grande distacco avvenuto dalla piattaforma di ghiaccio Brunt negli ultimi due anni. È da ormai dieci anni che i glaciologi hanno rilevato per la prima volta la crescita di vaste crepe nel ghiaccio.

Questi cambiamenti scorrono a velocità che raggiungono i 2 km all’anno, a ovest verso il mare. Alcuni hanno temuto che questa rottura fosse dovuta agli stessi motivi che hanno portato ai rapidi distacci di un’altra piattaforma, quella del ghiaccio Larsen C.

Per fortuna, la situazione è completamente diversa.

Leggi anche: Antartide: fauna e flora in costante cambiamento

Antartide, i motivi dietro questo distacco

I principali motivi di questo distacco sono la rapida crescita delle fratture che si sono estese lungo l’intera piattaforma, più il comportamento naturale già registrato da parte della piattaforma di ghiaccio Brunt.

Si tratta di un processo naturale, che genera iceberg a intervalli regolari. Pertanto, nessuna correlazione né col cambiamento climatico, né con i distacchi della piattaforma di ghiaccio Larsen C, che presentava un’estesa massa d’acqua di fusione sulla sua superficie al momento del crollo.

Comunque la British Antarctic Survey (BAS), l’istituto di ricerca polare del Regno Unito, continuerà a monitorare la piattaforma in tempo reale. 

Leggi anche: Antartide, come una carota di ghiaccio può prevedere il futuro