×

Antiche tradizioni nuziali ebraiche con il vino

default featured image 3 1200x900 768x576

Il vino nel matrimonio ebraico
Il vino ha sempre giocato un ruolo importante nelle culture mediterranee, specialmente nell’antico Israele.

Il vino dell’antico Israele precede la produzione di qualsiasi vino italiano di oltre 2000 anni secondo lo scrittore Garret Peck, un esperto di bevande alcoliche. Il vino si beveva in occasione di festeggiamenti, come i matrimoni. Le coppie di ebrei moderni o le coppie di fidanzati interessati possono inserire un numero di antiche tradizioni nuziali ebree che utilizzano vino nella cerimonia e nel ricevimento.

Il bere vino secondo tradizione

Il vino gioca un ruolo fondamentale nella fede ebraica.

Lo scrittore Garret Peck afferma che ogni libro nella Bibbia ebraica ha almeno un riferimento al vino, tranne il Libro di Giona. Per seguire la tradizione, la Bibbia Ebraica afferma che a una cerimonia nuziale, un rabbino benedica un bicchiere di vino davanti agli sposi. Il vino serve a simboleggiare la benedizione di Dio sulla coppia.

Sheva Brachot

Molte parti della Bibbia Ebraica e del Talmud hanno regole precise sulla quantità di vino da utilizzare per la benedizione.

Il Talmud, che risale ai tempi degli antichi Ebrei, sono insegnamenti, usanze e rituali complementari a quelli che si trovano nella Bibbia Ebraica. Nel Talmud, il rabbino o i parenti eseguono lo “Sheva Brachot” a un matrimonio. Questo rituale è costituito da sette preghiere, dove ciascuna preghiera è una benedizione divina per la coppia. Tutte e sette le preghiere sono recitate davanti a un bicchiere pieno di vino. Dopo la preghiera finale, una dedicata a tutto Israele, la coppia beve insieme il bicchiere di vino.

Benedizioni al ricevimento nuziale

Il Talmud e la Bibbia Ebraica danno al rabbino e ai membri della famiglia il potere di benedire la coppia con due coppe di vino. Dopo il matrimonio, inizia il ricevimento, spesso alquanto gioioso, con grandi quantità di cibo. Una volta che gli sposi fanno il loro ingresso, i festeggiamenti hanno inizio, con danze e una cena accompagnata dal vino. Tuttavia, quando la cena finisce, si recita la preghiera tradizionale del “Birchas Hamazon”, tratta dal Talmud. Si tratta di una benedizione che si recita alla fine di un pasto e prevede un brindisi a base di vino alla fine. Alcune tradizioni prevedono una sorta di bis di questa benedizione recitata insieme alle altre sette, sempre con un brindisi a base di vino.

Promesse

Il vino in sé agisce come forza unificante tra gli sposi, permettendo loro di rispecchiare Adamo ed Eva. Tuttavia, alcune tradizioni antiche ebraiche utilizzavano il vino come un modo per mostrare impegno individuale. Questo è perlopiù un dovere del marito. Nei circoli ortodossi della fede ebraica e anticamente, il futuro marito deve celebrare un “Tenaim”. Il “Tenaim” sono le promesse che il marito fa alla sua futura moglie. In tempi antichi, il fidanzamento prevedeva che l’uomo giurasse lealtà alla donna davanti a due testimoni, la maggior parte delle volte parenti della sposa o dello sposo. Dopo il giuramento, il futuro marito beveva del vino.

Contents.media
Ultima ora