Appuntamenti a luci rosse a San Giovanni, scoperta casa d’appuntamenti a “tema”
Cronaca

Appuntamenti a luci rosse a San Giovanni, scoperta casa d’appuntamenti a “tema”

Il giro d’affari che il “mestiere” più antico del mondo garantisce non conosce crisi.
Nel 2008 il Consiglio dei Ministri è stato approvato il decreto legge “Misure contro la prostituzione” voluto dal ministro per la Pari Opportunità, Mara Carfagna, che ha introdotto il reato di esercizio della prostituzione in strada e in generale in luogo pubblico.

Il ddl, in 4 articoli, punisce chi compie atti sessuali con un minore tra i 16 e i 18 anni in cambio di denaro con la reclusione da sei mesi a quattro anni. Inoltre, prevede l’arresto da cinque a quindici giorni per chi si prostituisce in luogo pubblico e sanzioni per i clienti e ammenda da 200 a 3.000 euro per chi offre prestazioni sessuali, pena applicata anche a chi si rivolge alle “lucciole”. Modificare la legge Merlin significava tentare di togliere linfa a un mercato del sesso che fa rima troppo spesso con abuso di minori, schiavitù e violenze fisiche.

Tuttavia dai marciapiedi ci si è semplicemente spostati all’interno di appartamenti privati,in condomini rispettabili e insospettabili, in cui il via vai di avventori non sembra essersi ridotto.

Anzi, nel quartiere San Giovanni la squadra mobile diretta da Vittorio Rizzi ha potuto notare come il gradimento della clientela fosse ben organizzato, in base a ogni diversa richiesta. Ognuna delle tre camere da letto era adibita a una particolare atmosfera: attività sadomaso, menage di gruppo e luci soffuse per i più “romantici” degli abituè del sesso a pagamento.

Nel blitz, dove i poliziotti si sono finti clienti, sono state fermate 3 sudamericane e una brasiliana, considerata la maitresse che gestiva gli appuntamenti a luci rosse, reclutava nuove ragazze da avviare alla “professione” e a cui venivano versati, ogni giorno, 50 euro rispetto ai compensi pagati per le prestazioni sessuali. L’accusa è di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche