Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Aquarius, Francia contro lo sbarco: Malta è più vicina
Esteri

Aquarius, Francia contro lo sbarco: Malta è più vicina

La Francia riapre la questione della nave Aquarius
La Francia riapre la questione della nave Aquarius

Secondo l'Eliseo la nave Aquarius dovrebbe sbarcare a Malta, una soluzione Europea per diminuire i tempi di percorrenza della nave.

La Francia suggerisce che l’Aquarius, la nave Ong in cerca di un porto dove attraccare, si deve dirigere verso le coste maltesi. L’Eliseo ha quindi comunicato: “Diciamo chiaramente che non dovrebbe trascorrere 4 o 5 giorni in mare per dirigersi verso la Francia o la Spagna o in un altro luogo, l’Aquarius deve attraccare presto e al momento è vicina a Malta”.

L’Aquarius a Malta

I negoziati europei sono iniziati il 25 settembre per cercare di trovare una soluzione per accogliere i 58 migranti attualmente a bordo della nave Aquarius. Il governo portoghese ha annunciato nel pomeriggio di aver concordato con Francia e Spagna di ospitare dieci dei migranti salvati nel Mediterraneo, senza specificare dove potrebbero essere sbarcati.

Minacciato di non poter più navigare dopo la decisione di Panama di ritirare la sua bandiera, l’Aquarius aveva precedentemente chiesto alla Francia l’autorizzazione eccezionale per sbarcare i 58 migranti, tra cui 17 donne e 18 minori, riscossi dalla Libia.

Parigi e la “soluzione Europea”

Fedele ai principi stabiliti in una riunione del Consiglio europeo del 28-29 giugno, la Francia ha ribadito che preferiva “cercare una soluzione europea” per dividere i migranti dall’Aquarius, piuttosto che aprire unilateralmente uno dei suoi porti.

Sollecitate, l’Italia e Malta hanno già indicato di non voler ospitare i profughi ma il governo francese ha chiesto che la nave che naviga nel Mediterraneo sbarchi a Malta piuttosto che a Marsiglia, come ha richiesto già esplicitamente dal governo, secondo una fonte dell’Eliseo a Parigi.

Si aspettano quindi le dichiarazioni congiunte di Italia e Malta nella questione che sembrava risolta e invece torna a essere discussa tra i paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche