Argentario, nel cuore della Maremma in Toscana: luogo ideale per le vacanze
Argentario: i 10 posti da non perdere
Vacanze

Argentario: i 10 posti da non perdere

Se non avete ancora deciso la meta per le vostre vacanze estive, non vi resta che preparare le valigie alla volta dell'Argentario.

Dopo un lungo e freddo inverno, ecco che arriva finalmente l’estate con i suoi colori, i suoi profumi, i suoi “tormentoni” e le sue mete uniche per le tanto meritate e attese vacanze itineranti o semplicemente di relax. Il nostro “Bel Paese” pullula di luoghi sperduti o più conosciuti, dove trascorrere qualche giorno in tranquillità o all’insegna del divertimento. Allora, quale luogo più adatto dell’Argentario, in Maremma, per gli amanti del mare, del sole, delle spiagge più o meno incontaminate, delle calette e delle baie e insenature nascoste tra le rocce?

L’Argentario e le sue acque cristalline

L’Argentario vi sorprenderà sicuramente per il suo mare turchese, le sue bellezze naturali e le sue coste. Quindi, qualora non aveste ancora deciso dove andare in vacanza quest’estate, bando all’indecisione e preparate i bagagli per la vostra meta che vi regalerà momenti indimenticabili: l’Argentario. Naturalmente è quasi impossibile parlare dell’Argentario, trascurando il suo mare e le sue spiagge. Una vacanza all’Argentario è fatta non solo di contatto con la natura, di sport e di relax, ma anche di cultura perché l’Argentario è ricco di borghi colorati e caratteristici, ricchi di storia e di antiche tradizioni.

Ecco un elenco dei 10 posti dell’Argentario che meritano una visita o anche semplicemente una sosta:

  • Le spiagge di Giannella e Feniglia fanno parte della Laguna di Orbetello, a nord e a sud.

    Sono spiagge particolarmente adatte alle famiglie con bambini per la presenza di stabilimenti balneari ben attrezzati e la sabbia, gioia per più piccoli. Calette con acqua trasparente si prestano per le passeggiate in riva al mare. Fra tutte, due meritano una particolare attenzione: la Cala Grande con le sue pittoresche barche e la Cala del Gesso con un percorso impervio e lungo, ma sicuramente da fare. L’acqua di color turchese è senza alcun dubbio un invito a tuffarvi dentro.

  • Porto Santo Stefano è la sede del Comune dell’Argentario e del porto. Da qui partono le navi e le imbarcazioni per l’Isola del Giglio e quella di Giannutri. L’acquario è aperto tutto l’anno con un costo per i biglietti di circa 5 euro per gli adulti e 2 euro per quelli ridotti.
  • Porto Ercole Vecchia si trova nella parte meridionale dell’Argentario. Si tratta di un borgo che è stato sotto il dominio spagnolo per molto tempo, noto anche perché qui è morto il pittore Caravaggio.

    La parte nuova è caratterizzata dalla presenza di numerosi bar e ristoranti. Una passeggiata tra i suoi vicoli e le sue viuzze , vi farà conoscere meglio un posto incantevole, meta prediletta di molti pescatori che qui vengono a pescare.

  • La laguna di Orbetello è un luogo straordinario, ma molto umido. Patrimonio naturale del WWF e oasi naturalistica, è un’ area ricca di biodiversità. E’ proprio qui che molti uccelli migrano. Inoltre, sono tantissimi gli uccelli che si possono ammirare: si va dai fenicotteri agli aironi, ai cenerini, al falco pescatore. E’ davvero un’esperienza meravigliosa, soprattutto per i bambini.
  • Forti spagnoli: sono delle vere e proprie fortezze costruite nel Medioevo e rafforzate successivamente dagli spagnoli. Si tratta di luoghi nati come strumento di difesa e di protezione. Sono visitabili gratuitamente. Tra i forti spagnoli, si possono ammirare quelli di Rocca Spagnola a Porto Ercole, Forte Stella, che puoi raggiungere lungo la strada panoramica e, seguendo le indicazioni , la Fortezza Spagnola.
  • Ansedonia è un caratteristico paesino che merita una visita se venite da Roma o da Grosseto.

    Località di villeggiatura balneare, nella parte alta della città conserva le rovine della città di Cosa. Il borgo possiede anche un museo aperto tutti i giorni dalle 10.15 alle 18.00 dalla primavera all’autunno e dalle 8.30 alle 16.30 nei mesi invernali. Il costo del biglietto è di 2 euro; 1 euro per quello ridotto.

  • Tamalone è un paese molto pittoresco, che si trova all’estremità del Parco della Maremma. La rocca domina il mare fino all’Argentario. E’ circondato da mura medievali ed è ideale per chi ama passeggiare. Vi sono anche un porticciolo e delle spiagge attrezzate.
  • Il Giardino dei Tarocchi è un parco artistico che si trova a Capalbio, in Maremma. Noto come l’esoterico giardino delle sculture dell’artista Niki de Saint Phalle, si ispira al gioco dei tarocchi. La sua realizzazione, cominciata verso fine degli anni settanta, termina nel 2002, anno della scomparsa dell’artista. Chi ha visitato il Parco Guell a Barcellona sa di cosa si parla e può intravederne qualcosa qui.

    Negli anni ’50, Niki si reca a Barcellona e rimane talmente affascinata dal Parco Guell ad opera di Gaudì, da volerne creare uno anche in Toscana. Ecco quindi che nasce il Giardino dei Tarocchi, oasi di pace e di serenità. In questo giardino si trovano piante di ogni genere: dagli allori ai rosmarini, oltre, naturalmente. a tantissime sculture e statue che raffigurano gli archi maggiori dei Tarocchi. Potrete ammirare l’imperatrice, l’imperatore, l’impiccato, il Papa. Insomma, tutte le figure del mondo dei Tarocchi.

  • Il Parco naturale della Maremma: se amate il trekking e le escursioni, il Parco della Maremma è il luogo ideale per voi, con i suoi diversi percorsi, a seconda della stagione, della difficoltà e della durata. Questi sentieri vi condurranno a stretto contatto con il Parco, la sua flora e la sua fauna. Potrete seguire i vari percorsi da soli, in gruppo oppure con una guida. Potrete inoltre visitare il Parco anche in carrozza, a cavallo, in bici o in canoa.

    Il Parco è aperto tutto l’anno e si caratterizza per la varietà e la ricchezza del suo ambiente naturale. Grazie alla sua posizione geografica, durante la stagione migratoria diventa meta prediletta di molte specie di uccelli ed è l’habitat ideale per cavalli e bovini allevati all’aperto o lasciati allo stato brado. Qui vivono anche la lepre, il riccio, la volpe, il tasso, l’istrice, il cinghiale, il capriolo e il daino. Da Grosseto, Talamone e Magliano, potrete accedere a questo parco dalla folta vegetazione che va dai boschi alle zone paludose, dalle distese di ulivi alle tante altre bellezze naturali. Avrete anche la possibilità di visitare l’Abbazia di San Rabano, le torri anti-saracene, la Cala di Forno e la splendida spiaggia del Parco.

  • La campagna toscana e il borgo di Magliano: se amate la natura, è d’obbligo un giro nella verde campagna della Toscana, che vi sorprenderà con le sue dolci colline, i suoi casolari e i suoi caratteristici borghi.

    Tra questi, uno in particolare merita una visita: Magliano, che conserva ancora le sue mura medievali. Anche il borgo di Pereta richiede una visita.

Alcune delle spiagge più belle dell’Argentario

Se volete scoprire alcune delle più belle spiagge dell’Argentario, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Ma eccone alcune che meritano di essere menzionate: la spiaggia la Soda, particolarmente adatta agli amanti delle immersioni; la spiaggia i Bagni di Domiziano, conosciuta anche come spiaggia Gerini che, con i suoi fondali poco profondi è particolarmente adatta alle famiglie con figli piccoli; la Cala Piccola, piccola spiaggia di ciottoli con il suo scoglio del corallo a pochi metri dalla riva; la Cacciarella, la prima spiaggia dell’Argentario lontana dai centri abitati per gli amanti di una vacanza rilassante, adatta allo snorkeling; la Cala del Gesso, in località Porto Santo Stefano, da molti considerata la spiaggia più bella dell’Argentario, un po’ difficile da raggiungere, ma che premia gli avventurieri con la sua bellezza e la sua vista.

Se vi trovate all’Argentario e avete ancora del tempo a disposizione, dedicatelo ad una visita all’isola del Giglio, che vi sorprenderà per il colore turchese delle sue acque e per i suoi borghi.

E’ anche possibile prendere il traghetto per solcare le sue acque cristalline. Sarà un’esperienza indimenticabile!

Allora, buona vacanza all’Argentario e nella Maremma in generale. Al vostro rientro alla routine quotidiana, sarete sicuramente rigenerati e soddisfatti di aver vissuto qualche giorno in una dimensione quasi surreale, perché l’Argentario, oltre al mare e al sole, vi trasporterà in luoghi quasi fuori dalla realtà e dalla quotidianità fatta di ritmi frenetici e stancanti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*