Artisti sotto le due torri: la poetica sonora di Cheryl Bonsi - Notizie.it
Artisti sotto le due torri: la poetica sonora di Cheryl Bonsi
Bologna

Artisti sotto le due torri: la poetica sonora di Cheryl Bonsi

Artisti sotto le due torri: le Perturbazioni di Cheryl Bonsi

Perturbazione 1

Per la consueta rubrica Artisti sotto le due torri, Bologna Magazine presenta la fotografa Cheryl Bonsi.
La giovane fotografa ha alle spalle anni di gavetta. Dopo aver frequentato lo Shoot Institute – la scuola professionale di fotografia di Bologna- ha collaborato con diversi fotografi, come loro assistente. “Grazie a loro” – afferma Cheryl – “ho avuto la possibilità di lavorare nei vari ambiti della fotografia. Ho collaborato alla realizzazione di alcuni reportage, e ho potuto lavorare su numerosi set (dalla musica, alla moda, alla pubblicità, al ritratto). Tutto questo è stato molto importante per la mia formazione“.

Cheryl Bonsi ama il reportage e il ritratto. In particolare, è brava nel raccontare il mondo musicale e i suoi protagonisti. Da qualche tempo, collabora con i Perturbazione di cui è la fotografa ufficiale. Le opere dedicate al gruppo torinese – ne potete ammirare due in questa pagina – sono esposte al Cortile cafè di via Nazario Sauro. Queste testimoniano il percorso artistico di uno dei gruppi più interessanti del panorama nazionale di cui ricordiamo la recente esibizione a Woodstock 5 stelle . “Nel loro ultimo tour li ho seguiti in alcune date.

Nella mostra ho quindi cercato di ricostruire il loro mondo, fatto di prove, backstage e concerto“.

Cheryl Bonsi ha come riferimenti le straordinarie opere di Mario Giacomelli, Francesca Woodman e Sarah Moon.In generale sono affascinata da tutti quei fotografi che riescono a cogliere la poetica insita in ciò che li circonda”. Dopo i Perturbazione, la Bonsi dedicherà la sua attenzione ad un gruppo bolognese – le Diva Scarlet – tutto al femminile.

Perturbazione 2
© Riproduzione riservata

1 Commento su Artisti sotto le due torri: la poetica sonora di Cheryl Bonsi

  1. Gentilissimi lettori,
    molte persone che hanno letto l’articolo sulla mostra di C.Bonsi cosa c’entra il p.s. quando ti sposi? Bene è giusto spiegare anche se ritengo inutile in questo momento storico dove fondamentalmente la formula del chi se ne frega è la stessa che scegliere tra una stilografica, una biro, oppure perché scrivere ti mando un sms….. sono piu’ figo .
    Essere andato ad una mostra non interessa a nessuno anche perché la stessa mostra la potevo vedere comodamente a casa sulla mia poltrona, a differenza avrei sentito il gruppo rappresentato con le sue canzoni, ma che cosa avrei sicuramente provato nella mia solitudine?
    Ecco come un qualsiasi comunicatore davanti ad un pubblico di faccine libro dove l’effetto Raffaella Carrà Caramba che sorpresa “staserà …..è qui” ecco come incuriosire con qualsiasi cosa che non c’entra niente, perché di niente si parla davanti ad un mondo digitale, in ,un , quasi mondo islamico, senza valori, e, senza niente.
    La morte prevista di G.c. Argan sull’arte ha avuto una lunga agonia, adesso tutti vogliono o sono artisti , basta poco, anzi mangio nel piatto della politica, divento la velina del teatrino mediatico, come si usa dire oggi sono andata a letto con Silvio, oggi l’insegnante è un cretino, infatti insegnare oggi dove tutti sanno fare tutto ma come mai ….. il dilettante allo sbaraglio, diventa la staffetta di tutto e subito senza ne arte ne parte ecco perché la politica ad esempio è piena dei giovani, dei sempre giovani e dei vecchi che si portano a letto l’eterna gioventu’ che pur di arrivare da via del suo, come compromesso, che tristezza, ecco perché non trovo un falegname, un idraulico, un medico… se avessi bisogno di una velina……… ?
    Cosa vorrà mai dire……….. assolutamente nulla siete arrivati alla fine come un messaggino, una chat veloce, di uno che sta lavorando ad uno sportello in un ente pubblico e di voi che fate la fila non interessa un bel niente ma deve scrivere qualcosa per interessarvi, ecco l’arcano mistero e chiudendo finirò con un bunga bunga e dentro di voi direte ormai nella lingua italiana supestite al nord “ a mammata e a sorata”

    p.s.i perturbazione cioè…è un gruppo meteropatico…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*