Attentato durante la parata in Iran. Numerosi morti e feriti
Attentato durante la parata in Iran. Numerosi morti e feriti
Esteri

Attentato durante la parata in Iran. Numerosi morti e feriti

Attentato

Attentato durante la parata militare ad Ahvaz, nell'Iran occidentale. La TV iraniana punta il dito contro l'Isis. Diversi morti e feriti.

Torna tragicamente protagonista l’Iran. Alcuni uomini armati hanno aperto il fuoco durante la parata militare di Sabato 22 Settembre. L’attentato è avvenuto ad Ahvaz, centro dell’Iran occidentale. Stando a quanto riferito dalla TV di Stato iraniana, ci sarebbero numerosi morti e feriti, anche se non è ancora noto il bilancio preciso. Non sono ancora certi i responsabili, ma i media parlano di alcuni “Elementi Takfir”, espressione generalizzata per indicare i sostenitori dell’Isis.

Attentato durante la parata

Era in corso una parata militare ad Ahvaz, città capoluogo della regione del Kuzestan, nell’Iran occidentale, un’area ricca di petrolio. All’improvviso, l’attentato: alcuni uomini armati hanno aperto il fuoco, provocando – stando a quanto riferito dalla TV iraniana – diversi morti e circa 20 feriti. I media hanno subito puntato il dito contro i sostenitori dell’Isis. Tra i feriti, ci sarebbero anche donne e bambini. La TV di Stato, intanto, afferma anche che ameno cinque terroristi sono stati uccisi.

Il 22 Settembre in Iran si celebra la Giornata Nazionale delle Forze Armate, in occasione dell’anniversario dell’invasione da parte di Saddam Hussein.

La parata militare è uno dei tanti eventi che caratterizzano questa giornata.

L’ultimo di una lunga serie

L’attentato avvenuto durante la parata è solo l’ultimo di una lunga serie di attentati che hanno sconvolto l’Iran. A giugno del 2017 risale infatti l’assalto condotto da alcuni membri dell’Isis contro il Parlamento iraniano, quando si registrarono 18 morti e altri 50 feriti.

La stessa Ahvaz è stata teatro anche di alcuni dei più sanguinosi episodi della storia del paese, avvenuti durante la guerra tra Iran e Iraq.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche