Attentato New York, rintracciato il secondo killer a Manhattan
Cronaca

Attentato New York, rintracciato il secondo killer a Manhattan

Attentato New York

L'Fbi americana è riuscita a rintracciare anche il secondo cittadino uzbeko ritenuto responsabile dell'attentato New York dello scorso 31 ottobre.

L’Fbi americana è riuscita a rintracciare anche il secondo cittadino uzbeko ritenuto responsabile dell’attentato New York dello scorso 31 ottobre. In particolar modo si tratta di Mukhammadzoir Kadirov, il cui identikit era stato diffuso dalle autorità nei giorni scorsi. Nel frattempo, gli investigatori sono riusciti a parlare anche con Sayfullo Saipov, il primo aggressore individuato, che è attualmente ricoverato in ospedale dopo aver subito un intervento chirurgico. L’uomo si è mostrato abbastanza collaborativo.

Attentato New York

E’ stato rintracciato dall’Fbi americana anche il secondo cittadino uzbeko ritenuto responsabile dell’attentato New York che è avvenuto lo scorso 31 ottobre. Si tratta di Mukhammadzoir Kadirov, un uomo il cui identikit è stato diffuso dalle autorità nei giorni scorsi.

Intanto gli investigatori sono riusciti a parlare anche con Sayfullo Saipov, il primo assalitore individuato, il quale attualmente si trova ricoverato in ospedale in seguito ad un intervento chirurgico. L’uomo, secondo quanto si apprende, si è mostrato abbastanza collaborativo.

Nel suo computer, infatti, sarebbe stato trovato del materiale legato all’Isis.

Andrew Cuomo, governatore di New York, aveva parlato di “lupo solitario” che si era radicalizzato negli Stati Uniti. Inoltre, l’uomo si sarebbe anche dichiarato “orgoglioso” dell’attentato commesso.

Secondo quanto è emerso fino a questo momento, il killer aveva pianificato questo attacco da oltre un anno. Gli investigatori avrebbero anche ritrovato un telefono che conteneva propaganda verso l’Isis. Per questo motivo, l’attentatore è stato accusato ufficialmente di terrorismo dalle autorità americane.

L’intenzione di SayfulloSaipov era quella di continuare ad uccidere sulla pista ciclabile. Il suo obiettivo era quello di arrivare da Tribeca al ponte di Brooklyn, compiendo in questo modo un percorso di diversi chilometri. E’ questo quanto emerge dai documenti che sono stati depositati in tribunale e con i quali le autorità lo accusano di terrorismo.

L’uomo ha spiegato agli investigatori di aver deciso di attaccare proprio nel giorno di Halloween perchè ci sarebbe stata più gente in giro.

Dunque il suo intento era quello di uccidere più persone possibili.

Il commento di Trump

Immediato è stato il commento del Presidente americano, Donald Trump, per quanto riguarda l’attenta New York di due giorni fa. Trump ha definito l’attentatore come “un animale”. In un tweet, il Presidente americano ha scritto che “è arrivato nel nostro paese grazie alla cosiddetta ‘lotteria per la diversità dei visti’. Una bellezza di Chuck Schumer. Li voglio in base al merito”.

Sayfullo Saipov sarebbe arrivato negli Stati Uniti nel 2010 e attualmente viveva a Tampa, in Florida. Secondo il Presidente Trump, si è trattato di ”un altro attacco da parte di una persone malata e folle, ho ordinato di rafforzare i controlli’‘. E’ questo quanto ha twittato Trump subito dopo l’attacco.

Bill de Blasio, sindaco di New York, invece ha dichiarato che si è trattato di un atto terroristico particolarmente codardo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche