> > Atterraggio d'emergenza a Fiumicino, caos a bordo: interviene la polizia

Atterraggio d'emergenza a Fiumicino, caos a bordo: interviene la polizia

Aeroporto Roma

Aereo costretto ad atterrare a Fiumicino per un malore di una passeggera incinta: caos tra gli altri passeggeri, la polizia è intervenuta con il taser

Intorno alle 21:30 di sabato 10 dicembre, un aereo proveniente da Istanbul e diretto a Casablanca ha richiesto di atterrare nell’aeroporto di Fiumicino per un’emergenza.

Sfociata nel caos creato dai passeggeri, la situazione ha richiesto l’intervento della polizia.

La richiesta di atterraggio di una donna incinta

I piloti dell’aereo hanno richiesto uno scalo d’emergenza all’aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino in seguito a un malore accusato da una passeggera incinta, una donna magrebina di 26 anni. Mentre la giovane in stato interessante è stata prontamente trasportata in codice rosso presso l’Ospedale Giovan Battista Grassi di Ostia, dov’è tuttora ricoverata, si è scatenato il panico tra gli altri passeggeri dell’aereo (circa una ventina), che hanno iniziato a pretendere di sbarcare anch’essi nello scalo romano, nonostante la Polaria fosse a bordo per cercare di mantenere l’ordine.

L’intervento delle forze dell’ordine

Non essendo stato possibile per i piloti assecondare la richiesta di scalo – poiché non c’era alcuna situazione di pericolo –, i passeggeri hanno creato un caos tale da essere stato gestito con non poca difficoltà dalle forze dell’ordine della polizia aeroportuale, a cui si sono presto aggiunte altre pattuglie di polizia: per bloccare un passeggero esagitato, un agente è stato costretto a utilizzare il taser.