×

Attilio Fontana chiede che dal 12 aprile cessino le limitazioni e punta tutto sulla vaccinazione

Attilio Fontana chiede che dal 12 aprile cessino le limitazioni e loda Bertolaso "che sta lavorando in maniera indefessa per la vaccinazione di massa"

Il governatore della Lombardia auspica che dal 12 aprile cessino le limitazioni regionali

Attilio Fontana chiede che dal 12 aprile cessino le limitazioni con l’arrivo dei vaccini. Il governatore della Lombardia lo ha detto all’inaugurazione dell’hub vaccinale “Giuseppe Zamberletti” della Schiranna di Varese con il ministro della Difesa Lorenzo Guerini. Un’occasione che Fontana non ha voluto sprecare per rimettere sul tavolo della discussione i criteri con cui la Lombardia sta affrontando il covid e le necessità di ripresa economica della regione.

Lo ha fatto in un luogo che porta nel suo stesso nome una forte carica simbolica e a margine delle recenti questioni giudiziarie che lo vedono coinvolto in ipotesi. 

Fontana chiede meno limitazioni dal 12

Giuseppe Zamberletti infatti è considerato il “padre” della Protezione Civile. Lo storico politico era scomparso a gennaio del 2019 e la sua opera crea una “liaison” ideale con la figura di Guido Bertolaso, che la Protezione Civile l’ha guidata e che oggi è il mastermind della campagna vaccinale lombarda.

Fontana lo ha detto chiaro: “L’ultima cosa che ci manca è che arrivino i vaccini, ma sono convinto che gli impegni che sono stati assunti verranno rispettati. E quindi che dal 12 o 13 aprile inizierà questa grande operazione e riusciremo a dire basta a queste eccessive limitazioni che stiamo subendo”. 

Il grazie a Guido Bertolaso

Poi su Bertolaso: “Ringrazio Guido Bertolaso, che dal momento in cui è stato chiamato in Lombardia sta lavorando in maniera indefessa per realizzare questo grande progetto di vaccinazione di massa”.

Il nuovo Centro Vaccinale di Varese è un hub montato dall’Esercito Italiano. A pieno regime potrà vaccinare fino a 2.500 persone al giorno e aspira a diventare il punto di riferimento per le somministrazioni di tutto il capoluogo varesino e dei comuni vicini. E al personale medico Fontana ha chiesto “di fare un ultimo sforzo, perché con la vaccinazione riusciremo a sconfiggere il virus”.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora