×

Aumenti bollette luce e gas: conviene il costo fisso o variabile?

Dopo i nuovi aumenti sulle bollette della luce e del gas ci poniamo questo interrogativo: conviene il costo fisso o quello variabile?

bollette

Dopo i nuovi aumenti sulle bollette della luce e del gas ci poniamo questo interrogativo: conviene il costo fisso o quello variabile?

Aumenti delle bollette: di fronte ai rincari ecco la scelta più giusta

Nonostante il Decreto emanato dal Governo Draghi, nel corso del 2021 c’è stato un aumento nelle bollette di luce e gas.

Alla luce di questo rincaro conviene il prezzo bloccato? Di certo di fronte a questi aumenti la cosa più conveniente sembrerebbe il prezzo fisso perché  eventuali nuovi rincari non influirebbero sulla fattura. Se il prezzo scendesse invece converrebbe il prezzo variabile.

Aumenti delle bollette: la bolletta di luce e gas a prezzo bloccato

Le impennate dei costi delle bollette di luce e gas nel 2021 hanno fatto sì che chi ha scelto all’inizio dell’anno l’offerta a prezzo bloccato è riuscito a risparmiare oltre 1.000 euro in 12 mesi.

Importante chiarire qual è la differenza tra mercato libero e mercato a maggiore tutela. Il primo, infatti, può garantire la possibilità di scegliere un’offerta fissa che non tenga conto delle variazioni di costo dell’energia, perché sono le compagnie a stabilire le proprie tariffe. Per il secondo bisogna fare riferimento all’Arera, l’autorità che regola il settore. La maggior tutela, infatti, permette soltanto di scegliere tra una tariffa monoraria e una bioraria, con dei prezzi diversi a seconda del tipo di utenza.

Questo servizio verrà abolito dal 1° gennaio 2023. Da quella data esisterà solo il mercato libero.

Aumenti delle bollette: prezzo bloccato o variabile?

Quando i valori di luce e gas, il kilowatt/ora e il metro cubo standard, sono fissi vuol dire che anche i loro costi restano bloccati nel tempo per tutta la durata dell’offerta a cui l’utente ha aderito. Sono queste le bollette di luce e gas a prezzo bloccato, possibile solo nel mercato libero.

Invece la cosiddetta bolletta indicizzata prevede che il costo dell’energia subisca delle variazioni e rientra sia nel mercato libero sia in quello a maggior tutela. Perché scegliere, allora, le bollette di luce e gas a prezzo fisso? Il primo vantaggio sarà quello di assicurarsi un costo della materia prima che rimane uguale fino alla fine dell’offerta e di risparmiare nel caso in cui i prezzi del settore subiscano altri rialzi. In più sarà consentito differenziare le tariffe di consumo, scegliendo tra la tariffa monoraria, tariffa bioraria e la tariffa multioraria.

Contents.media
Ultima ora