×

Austria: dottoressa somministra vaccini a 59 persone con la stessa siringa

Singolare vicenda in Austria, dove una dottoressa ha somministrato vaccini a 59 persone, utilizzando la stessa siringa. Indaga la Procura di Leoben

Austria, medico inocula vaccini a 59 persone con la stessa siringa

Una singolare quanto incredibile vicenda, si è verificata in Austria e riguarda le somministrazioni di vaccini anti-Covid. In particolare un medico, nello specifico una dottoressa, ha inoculato a 59 persone il vaccino, utilizzando però sempre lo stesso ago e la stessa siringa.

Austria, dottoressa somministra vaccini con la stessa siringa

La stessa siringa e lo stesso ago utilizzati per somministrare più volte il vaccino a più persone, questo in sostanza il curioso fatto accaduto in Austria, ad opera di una dottoressa.

La vicenda si è sviluppata a Muerzzuschlag, cittadina austriaca di poco più ottomila abitanti e più precisamente all’interno della nota azienda Voestalpine Boheler Bleche. L’azienda in questione è specializzata nella lavorazione dell’acciaio e conta al suo interno ben cinquecento dipendenti, ma solo 59 di questi sono protagonisti di questa incredibile storia sulle somministrazioni dei vaccini.

Austria, le somministrazioni di vaccini in azienda

Nell’azienda Voestapline Boheler Bleche sono stati vaccinati 59 dipendenti, mediante l’utilizzo della stessa siringa.

Il fatto è emerso in seguito ad un controllo, di norma effettuato al termine di ogni seduta vaccinale, in merito al numero di dispositivi medici messi a disposizione, utilizzati dalla dottoressa incaricata a somministrare i vaccini. Dall’operazione di controllo si è scoperto, che il numero delle dosi di vaccino e il numero di materiali utilizzati (in particolare le siringhe), non corrispondevano al numero di persone effettivamente vaccinate.

In seguito ad un ulteriore accertamento, la dottoressa ha effettivamente dichiarato, che forse, aveva utilizzato più volte la stessa siringa e lo stesso ago, per effettuare somministrazioni di vaccino a diversi dipendenti dell’azienda, ma senza effettivamente chiarire le motivazioni del gesto. La dottoressa è stata sospesa.

Austria, la denuncia dell’azienda in merito alle somministrazioni di vaccini

La denuncia su quanto accaduto è stata effettuata dalla stessa azienda Voestalpine Boheler Bleche, che appreso della vicenda, ha immediatamente informato le autorità competenti di Bruck and der Mur e in seguito anche la Magistratura di Leoben. Attualmente la Procura di Leoben sta indagando sul fatto.

Ecco cosa ha dichiarato in merito alla vicenda, il portavoce aziendale, Peter Felsbach:

“Per Voestalpine la sicurezza e la salute dei suoi dipendenti sono sempre la massima priorità. Con le migliori intenzioni abbiamo affidato al gruppo Vamed l’effettuazione della vaccinazione a cui appartiene il centro di medicina del lavoro di Kapfenberg, noto fornitore di servizi nel settore sanitario”.

E ancora:

“Chiediamo chiarimenti su come possa accadere un simile errore. Un medico esterno è stato incaricato di essere disponibile per un massimo di 60 dipendenti per le persone colpite. Inoltre, si era tenuto un colloquio personale con tutti”.

Fortunatamente, un primo esame di follow-up effettuato sui dipendenti aziendali rimasti coinvolti nella vicenda, non ha rilevato alcuna infezione.

Contents.media
Ultima ora