×

Avanti piano

Si è chiusa in sordina la fase eliminatoria del Mondiale sudafricano. Il calendario aveva regalato nell’ultimo giorno due sfide dall’alto contenuto spettacolare, rivelatosi tale solo a livello potenziale. Perchè alla fine tanto Brasile e Portogallo quanto Spagna e Cile hanno pensato, dopo avere battagliato per 45′, di non farsi male, scegliendo di andare avanti insieme e di non sprecare energie.

Per tutte e quattro è arrivato il passaggio del turno, ai danni rispettivamente della Costa d’Avorio (inutile il 3-0 alla Corea del Nord) e della Svizzera, incapace dal canto suo di battere Honduras. Le quattro qualificate s’incroceranno agli ottavi tra lunedì e martedì.

Tanto agonismo nel primo tempo ma poche occasioni tra Brasile e Portogallo, finita addirittura tra i fischi, mentre Cile e Spagna hanno tenuto fede solo per 45′ alla prevista sfida-spettacolo.

Dopo l’uno due Villa-Iniesta che è di fatto valso la qualificazione alle Furie Rosse, ad inizio ripresa il Cile ha trovato il gol che cercava, dopo il quale si è assistito di fatto ad un allenamento: a quel punto la Svizzera avrebbe dovuto fare tre gol all’Honduras per passare. Non c’è che dire, le due Rojas hanno fatto bene i loro conti.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche