Badanti e colf, costi più alti col decreto dignità
Badanti e colf, costi più alti col decreto dignità
Cronaca

Badanti e colf, costi più alti col decreto dignità

Badanti e colf, aumento dei costi in arrivo
Badanti e colf, aumento dei costi in arrivo

L'Assindatcolf ha presentato una richiesta alle commissioni Finanza e Lavoro per escludere i lavoratori domestici dal provvedimento.

Tra le conseguenze del decreto dignità ci sarà anche un aumento dei costi di badanti, colf e baby sitter per le famiglie. La differenza potrebbe arrivare a 160 euro l’anno, un costo che, seppur non particolarmente elevato, diventa difficile da sostenere per chi deve già farsi carico di numerose altre spese, soprattutto nel caso di donne sole o famiglie monoreddito.

Cosa cambierà

L’aumento è una conseguenza del comma 2, articolo 3 del decreto dignità. L’articolo in questione regola il rinnovo dei contratti a tempo determinato. La nuova normativa prevede che a ogni rinnovo il datore di lavoro versi un contributo aggiuntivo dello 0.5%, che si va a sommare all’1.4% già stabilito. Il decreto esclude dall’aumento solo la pubblica amministrazione. Saranno colpite, invece, le famiglie che usufruiscono di lavoro domestico (generalmente per badare a bambini e anziani), che verranno trattate come se fossero aziende.

Le critiche di Assindatcolf

Proteste da parte dell’Assindatcolf, l’Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico.

Il gruppo aderisce a Confedilizia e ha firmato un contratto collettivo per la regolamentazione del settore domestico, tra cui quello di colf e badanti. Il gruppo ha depositato un comunicato presso le commissioni Finanza e Lavoro che si occupano del decreto. La richiesta avanzata è che lavoratori domestici vengano esclusi dal provvedimento e che “la disposizione si applichi solo a chi fruisce anche di agevolazioni e non a chi assume personale domestico”.

“Parliamo di famiglie non di imprese”, continua il portavoce di Assindatcolf, “in particolare di donne, che a fronte di un welfare che taglia i servizi, per conciliare tempi di vita e di lavoro sono costrette a rinunciare alla carriera“. I costi per mantenere un lavoratore domestico sono estremamente elevati: 16mila euro l’anno per una badante, secondo i dati riportati dall’associazione.

Le proposte

Non solo critiche, ma anche proposte. L’Assindatcolf chiede “al governo e al Parlamento di intervenire su due fronti urgenti. Bisogna tornare a pianificare il lavoro regolare: serve un decreto flussi con quote dedicate al settore domestico”.

Il gruppo ha inoltre sottolineato le difficoltà a cui va incontro chi assume una badante o una baby sitter, dal momento che “le agevolazioni fiscali per chi ricorre a un regolare contratto sono pressoché inesistenti”. Tutto questo rende “incomprensibile e intollerabile” la decisione del governo. “Nel settore domestico”, continua il comunicato, “non esiste un problema di abuso dello strumento del contratto a tempo determinato che, al contrario, viene utilizzato in percentuale molto bassa rispetto a quello a indeterminato, dove è possibile licenziare senza giusta causa”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Diadora Cyclette Lilly Rigenerata
79.95 €
173 € -54 %
Compra ora
Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora
Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 946 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.