×

Balneari: fonti governo, si lavora ad accordo, ma no rinvio deadline gare 2024

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 16 mag. (Adnkronos) – Si lavora ad un'intesa, ad un accordo, ma di rinviare lo sblocco delle gare per le concessioni balneari -che dovrebbero diventare realtà a partire dal 2024- non se ne parla. Lo spiegano fonti di governo all'Adnkronos, a stretto giro dall'incontro tra Matteo Salvini e il premier Mario Draghi, oggi a Palazzo Chigi.

Dell'impasse in cui verte il ddl concorrenza, 'spiaggiato' per il nodo balneari, in realtà il leader della Lega non ne avrebbe parlato direttamente con il presidente del Consiglio, ma si sarebbe intrattenuto con il segretario alla presidenza Roberto Garofoli, che sta cercando di sbrogliare la matassa, non semplice, dei balneari.

Il compromesso al quale si lavora in queste ore prevedrebbe una deroga tecnica ad hoc per quei casi specifici in cui non è possibile andare a gara.

Ma si tratterebbe di una manciata di Comuni, poche le eccezioni ammesse. E anche la cosiddetta mappatura delle concessioni, spiegano le stesse fonti, "non può essere considerata la condizione sine qua non per mandarle a gara: si va nel 2024. Punto". Mentre nell'intesa alla quale si lavora verrebbero rafforzati gli indennizzi per gli attuali titolari degli stabilimenti. (segue)

Contents.media
Ultima ora