Barbara D'Urso: le novità sul suo divorzio dal marito - Notizie.it
Barbara D’Urso: le novità sul suo divorzio dal marito
Gossip e TV

Barbara D’Urso: le novità sul suo divorzio dal marito

novità
Barbara D'Urso: le novità sul suo divorzio dal marito

Per Barbara D'Urso, neo sessantenne, ci sono delle novità per quanto riguarda il divorzio dall'ex marito. Vediamo quali sono.

In base a quanto stabilito dal Tribunale di Roma, Barbara D’Urso non dovrà più pagare l’assegno di divorzio all’ex marito Michele Carfora. La Corte di Appello di Roma ha deciso che la signora di Canale 5, ovvero Barbara D’Urso non dovrà più pagare per l’assegno di divorzio dall’ex marito.

Barbara D’Urso e Michele Carfora si sono sposati nel 2003, ma dopo appena tre anni di matrimonio, i due hanno deciso di separarsi consensualmente. L’ex marito, Michele Carfora, aveva chiesto alla ex moglie l’assegno. L’assegno che oggi Barbara D’Urso non dovrà più sborsargli. In base a quanto afferma la Corte d’Appello, la D’Urso non deve più pagare nulla, in quanto ora Carfora ha una nuova famiglia e una figlia, per cui ” è venuto meno l’obbligo di solidarietà post coniugale”.

Carfora, in Tribunale, aveva raccontato che la convivenza con la sua attuale compagna si era interrotta.

In base alla Corte d’Appello, il coniuge divorziato che forma un’altra famiglia perde l’assegno divorzile e non la sospensione, a prescindere da come andrà il suo nucleo familiare. Ecco la ragione per cui la D’Urso non deve più sborsare l’assegno al’ex marito. La stessa D’Urso era stata denunciata in quanto non aveva versato l’assegno, ma non doveva minimamente versarlo. Durante il matrimonio, i due lavorando entrambi nel mondo dello spettacolo, erano indipendenti economicamente e quindi non era necessario l’assegno. Ora la D’Urso sarà libera da impegni per quanto riguarda i soldi e il mantenimento all’ex marito. La Corte d’Appello le ha dato ragione e ora è sicuramente più tranquilla, in tal senso.

0GSV5PNS-073-kX2F--284x200@Corriere-Web-Roma_MGTHUMB-INTERNA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche