×

Bestemmia perdonata al GF. Furiosi gli spettatori e polemiche da “L’ Avvenire”

default featured image 3 1200x900 768x576
Alessia Marcuzzi Visore(1)

E’ diventata un vero e proprio caso mediatico la bestemmia pronunciata da uno dei concorrenti del Grande Fratello di Canale 5 e la sua conseguente assoluzione. Il reality show condotto da Alessia Marcuzzi continua a generare, anche in questa edizione, un’onda di polemiche, proteste, accuse e indignazioni che hanno lo stesso effetto del sole sulle piante, a giudicare dagli ascolti.

Storia vecchia, decisione nuova. Anche quest’anno, un concorrente (un certo Matteo) esasperato forse dalla temperatura non ottimale della Jacuzzi, da un primo piano non considerevole o da chissà quale altro motivo ha litigato con un altro concorrente e ha bestemmiato (ho un deja vu).

Il Grande Fratello si è riunito e nello studio è nato un dibattito processo sul da farsi vivacizzato dal moralizzatore Alfonso Signorini a cui mancava giusto il parrucchino da inquisitore e dalla madre del concorrente (tra l’altro catechista, che Karma beffardo). Insomma morale della favola, due pacche sulle spalla e non pensiamoci più perchè, secondo il Gf, la bestemmia non era stata detta per offendere ma era da contestualizzare. Giusto che c’era il Grande Fratello ha anche pensato di rendere il procedimento retroattivo e di far rientrare anche il bestemmiatore dello scorso anno Massimo Scattarella.

Infuriati i telespettatori che hanno fatto sentire la loro sulle pagine dei giornali. Una su tutte la lettera indignata arrivata nella scrivania del direttore del conservatore “Avvenire” che da parte sua ha bollato la vicenda come “decisamente grave” aggiungendo inoltre che “sembra incredibile e incivile che la dirigenza di Mediaset continui a subire e, dunque, avalli tutto questo”. Mediaset invece avalla e gli ascolti crescono inversamente proporzionali a una morale arrivata ormai sotto i tacchi della Marcuzzi…


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora