×

Bill Gates costretto alle dimissioni per una relazione con una dipendente? L’indiscrezione del WSJ

Bill Gates costretto alle dimissioni per una relazione con una dipendente? L’indiscrezione del Wall Street Journal, la lettera della donna e le indagini

Gates a febbraio con il suo libro

Bill Gates costretto alle dimissioni per una relazione con una dipendente? L’indiscrezione del Wall Street Journal arriva come una bomba che dopo il divorzio del magnate apre nuovi possibili scenari sul suo addio alla creatura da lui fondata: Microsoft. E secondo quella indiscrezione a spingere per le dimissioni di Gates in virtù di quella relazione ritenuta “inappropriata” sarebbe stato proprio il Consiglio di amministrazione di Microsoft subito dopo la scoperta della presunta “tresca”.

Il Wall Street Journal pare non aver dubbi: dopo decenni alla guida del super gruppo di cui è stato fondatore e nocchiero, Bill Gates avrebbe non maturato la scelta di mollare, ma accondisceso alla direttiva di farlo, direttiva voluta dal suo stesso Cda.

Bill Gates costretto alle dimissioni per una relazione con una dipendente? L’indiscrezione del Wall Street Journal che ribalta la versione del marzo 2020

Le motivazioni ufficiali all’epoca, si era a marzo del 2020, furono molto mainstream ma già per molti analisti poco convincenti: Gates aveva detto in una nota ufficiale di voler mollare per godersi il raccolto di una vita strepitosa e mettere parte del suo clamoroso patrimonio a servizio di attività filantropiche.

E il quotidiano Usa che avrebbe, per ora solo in potenza, “smascherato” le reali motivazioni di Gates, ha una serie di dati a supporto della sua tesi: innanzitutto una lettera inviata al Cda da una dipendente Microsoft.

Bill Gates costretto alle dimissioni per una relazione con una dipendente? L’indiscrezione del Wall Street Journal e la lettera della donna

Nello scritto la donna asserirebbe di aver avuto una relazione sessuale con Gates.

A quel punto i membri del consiglio misero in moto una delle società di consulenza legale più quotate d’America per venire a capo della faccenda, sia da un punto di vista della veridicità di quanto la donna asseriva che dell’impatto su media, mercato ed opinione pubblica. A quel punto sarebbero emerse le prove della relazione e, a traino, le richieste di alcuni membri del Cda di accelerare con misure drastiche incentrate sull’esclusione di Gates dall’organo di governo di Microsoft. E questo non a conclusione dell’indagine che se fosse trapelata avrebbe innescato deduzioni in sincronia, ma prima, cioè quando ancora si potevano addurre motivazioni generaliste senza che qualcuno drizzasse le antenne.

Bill Gates costretto alle dimissioni per una relazione con una dipendente? L’indiscrezione del Wall Street Journal e le parole del portavoce

E dopo l’articolo del WSJ un portavoce del fondatore di Microsoft ha ammesso la relazione ma smentito che la stessa abbia funto da innesco per le dimissioni di Gates. Ecco le sue parole: “C’è stata una relazione sentimentale quasi 20 anni fa che è finita amichevolmente, ma la decisione di lasciare il Cda non fu affatto legata a tale questione”, bensì alla sola volontà di avere più tempo per concentrarsi sulle attività filantropiche.

Contents.media
Ultima ora