×

Bimba di 10 anni uccisa dal padre, l’ultimo sms alla nonna: “Ho paura”

Paige Bolton, a soli 10 anni, è stata uccisa dal padre nella loro casa nello Yorkshire. La piccola aveva mandato un messaggio alla nonna.

Paige e Garry Bolton

Paige Bolton, a soli 10 anni, è stata uccisa dal padre nella loro casa nello Yorkshire. La piccola aveva mandato un messaggio alla nonna, chiedendole aiuto. 

Bimba di 10 anni uccisa dal padre nella loro casa

Paige Bolton è stata uccisa a 10 anni dal padre, nella loro casa nello Yorkshire, nel gennaio di due anni fa. Dall’inchiesta ora conclusa è emerso che gli ultimi minuti sono stati spaventosi per la piccola, perché era consapevole che suo padre avrebbe fatto qualcosa di terribile. Garry Bolton, di 47 anni, ha chiuso la bambina nel bagno di casa, prima di appiccare un incendio all’abitazione, che ha ucciso entrambi.

La bambina ha fatto in tempo a mandare un ultimo straziante messaggio alla sua nonna. 

Bimba di 10 anni uccisa dal padre: era ancora viva

La tragedia è avvenuta il 25 gennaio 2020 ed è stata causata dall’incendio appiccato volontariamente dall’uomo. Il 47enne, prima del rogo mortale, aveva chiuso a chiave la porta d’ingresso, bloccato il corridoio con diversi ostacoli e disattivato gli allarmi antincendio. Secondo l’autopsia, padre e figlia sono morti per avvelenamento da monossido di carboni, sprigionato dall’incendio appiccato in camera da letto.

Quando i vigili del fuoco sono arrivati hanno trovato l’uomo morto e la bambina viva ma in condizioni critiche. Nonostante le manovre rianimatorie e il trasferimento al pronto soccorso, la piccola è morta poco dopo l’arrivo in ospedale

Bimba di 10 anni uccisa dal padre, l’ultimo sms alla nonna: “Ho paura”

In un ultimo disperato tentativo di salvarsi, la bambina ha inviato dei messaggi alla nonna paterna, chiedendole aiuto.

La signora Patricia, però, aveva il telefono spento e quando si è svegliata ha trovato quei terribili messaggi. “Aiuto, aiuto, ho paura” ha scritto alla nonna. “Papà mi sta spaventando. Perché non puoi aiutarmi?” ha scritto la piccola. Secondo gli inquirenti la salute mentale dell’uomo era peggiorata e soffriva di ansia e paranoia. La famiglia aveva dovuto già affrontare la morte del fratello gemello di Paige, Ethan, morto a soli sei mesi nel 2009. “Non ha mai veramente superato la morte di Ethan” hanno dichiarato i parenti. 

Contents.media
Ultima ora