×

Bimba morta a Torino, i risultati dell’autopsia: “Lanciata dal balcone con forza”

La piccola Fatima non sarebbe scivolata dalle braccia del compagno della madre, ma sarebbe stata lanciata dal balcone con forza.

Fatima

La piccola Fatima non sarebbe scivolata dalle braccia del compagno della madre, ma sarebbe stata lanciata dal balcone con forza. Questo è quello che è emerso dai risultati dell’autopsia. 

Bimba morta a Torino, i risultati dell’autopsia: “Lanciata dal balcone con forza”

La piccola Fatima, secondo i risultati dell’autopsia, non sarebbe scivolata dalle braccia di Azhar Mohssine, compagno della madre. L’uomo aveva detto che la bambina era morta a causa di un tragico incidente, raccontando che le era scivolata mentre giocavano a “vola vola”. Secondo gli accertamenti del medico legale Roberto Testi, la bambina sarebbe stata in realtà lanciata dall’uomo con forza. Il gioco in questione prevede che la bambina fosse lanciata verticalmente poco più sopra della testa dell’uomo, ma secondo i primi riscontri la traiettoria della caduta è più larga di quella che sarebbe stata nel caso di un incidente di questo genere.

Bimba morta a Torino, i risultati dell’autopsia: l’accusa

Secondo l’accusa, l’uomo di 32 anni avrebbe lanciato la bambina oltre la ringhiera, facendola precipitare tre metri più avanti. Se l’azione fosse avvenuta perpendicolarente al suolo, la bambina avrebbe sbattuto contro la tettoia del balcone e urtato la pensilina. In realtà, il punto dell’impatto è molto lontano dal confine con i balconi. Inoltre, la bambina sarebbe caduta di schiena.

Solo la consulenza cinetica sulla parabola di caduta accerterà l’ipotesi di un’azione volontaria o confermerà l’incidente. Il giudice, per il momento, ha riqualificato il reato in omicidio colposo, ma la Procura indaga per omicidio volontario con dolo eventuale. 

Bimba morta a Torino, i risultati dell’autopsia: “Ha preso la bambina e l’ha buttata a terra, poi l’ha gettata di sotto”

La madre della bambina inizialmente aveva dichiarato di non aver visto nulla, poi ha accusato il compagno di aver gettato la bambina dal balcone dopo un litigio.

Ero anche io al quinto piano. Lui ha preso la bambina e l’ha buttata per terra. Un suo amico l’aveva presa in braccio per portarla da me e lui si è messo in mezzo, l’ha strappata dalle sue mani e l’ha gettata di sotto” ha raccontato agli inquirenti. Il 32enne ha dato due versioni diverse. All’inizio ha detto che la bambina era caduta da sola dal balcone mentre lui era in casa. In seguito ha dichiarato di averla fatta cadere durante il gioco, ma ha sempre dichiarato di non aver mai voluto farle del male perché la considerava “come una figlia“. 

Contents.media
Ultima ora