×

Bimbo annegato a Città Sant’Angelo nella piscina della villetta di famiglia, il nonno: “Non si era mai avvicinato alla piscina da solo”

Un bimbo di 2 anni è annegato a Città Sant'Angelo, dopo essere caduto nella piscina della villetta di famiglia. Le parole del nonno.

Piscina

Un bimbo di due anni è morto annegato a Città Sant’Angelo, dopo essere caduto nella piscina della villetta di famiglia. La mamma lo aveva perso di vista per pochi secondi e quando si è accorta di quello che era accaduto purtroppo era troppo tardi.

Bimbo annegato a Città Sant’Angelo: le parole del nonno

Abitualmente si muoveva in libertà tra i nostri appartamenti. E anche in giardino, che è recintato, usciva senza problemi, poi bastava chiamarlo e subito ubbidiva. Alla piscina non si era mai avvicinato da solo” ha dichiarato il nonno del piccolo Lorenzo Grilli, morto annegato a Città Sant’Angelo, a Pescara, nella piscina della villetta di famiglia, sul Messaggero. Lo hanno perso di vista per pochissimi minuti.

La mamma Amedea si è accorta subito dopo le 20 dell’assenza del figlio, ma purtroppo era troppo tardi. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 e i carabinieri della Compagnia di Montesilvano. Tutti i tentativi di salvare il piccolo, però, sono stati del tutto inutili. L’autopsia, disposta per la giornata di oggi mercoledì 19 maggio dal pm di Pescara, Rosangela Di Stefano, darà qualche dettaglio in più. L’iscrizione dei genitori nel registro degli indagati è una prassi, mentre i nonni sono stati ascoltati dai carabinieri come testimoni.

Bimbo annegato a Città Sant’Angelo: la ricostruzione dell’accaduto

Secondo la ricostruzione, la mamma del piccolo Lorenzo, Amedea, si trovava in casa con la bambina più grande, mentre il papà, che lavorava nelle squadre di manutenzione dell’autostrada A14, in quel momento non era presente. Quando la donna si è accorta che il piccolo non era accanto a lei è scesa immediatamente dai genitori, nell’appartamento al piano terra, e insieme sono andati in giardino a cercarlo. A quel punto hanno scoperto quello che era accaduto al piccolo Lorenzo, che era caduto nella piscina della villetta di famiglia.

Bimbo annegato a Città Sant’Angelo: una tragedia che ha sconvolto la comunità

Una tragedia terribile, che ha scosso completamente tutta la comunità di Città Sant’Angelo, in provincia di Pescara. “Sono distrutto come sindaco, come padre e come angolano. Con il padre di Lorenzo c’è un’amicizia lunga e duratura. Città Sant’Angelo vive una nuova tragedia, dopo quella della bimba morta in culla meno di un anno fa. Gli angolani sono sconvolti e lo capisco da ciò che leggo sui social e dai messaggi che mi arrivano” ha dichiarato Matteo Perazzetti, primo cittadino.

Contents.media
Ultima ora