×

Bimbo morto a Sharm el-Sheikh, eseguita l’autopsia su Andrea Mirabile a Palermo

Bimbo morto a Sharm el-Sheikh: l’autopsia sul piccolo Andrea Mirabile di soli sei anni è stata eseguita presso il Policlinico di Palermo.

bimbo morto Sharm autopsia

Bimbo morto a Sharm el-Sheikh, eseguita l’autopsia su Andrea Mirabile al Policlinico di Palermo. Nel corso dell’esame, erano presenti esperti nominati dal pm titolare dell’inchiesta e un consulente scelto dalla famiglia del piccolo.

Bimbo morto a Sharm el-Sheikh, eseguita l’autopsia su Andrea Mirabile a Palermo

Presso l’Istituto di Medicina legale del Policlinico di Palermo, è stata condotta l’autopsia sui resti del piccolo Andrea Mirabile, il bimbo morto a Sharm el-Sheikh a soli sei anni mentre era in vacanza con i genitori in un resort di lusso.

Il corpo del bambino era già stato sottoposto a un primo esame autoptico in Egitto: le autorità, infatti, stanno indagando al fine di scoprire le cause che hanno provocato il decesso della giovanissima vittima.

In questo contesto, dopo aver effettuato le verifiche preliminari, era stato riferito che i risultati dell’autopsia non sarebbero stati pronti prima di due mesi.

Al rientro della salma in Italia, quindi, la Procura di Palermo ha disposto un nuovo esame autoptico e ha aperto un fascicolo sul caso dopo la presentazione di un esposto da parte dello studio legale associato Giambrone & Partners che si sta occupando di assistere la famiglia.

Nella giornata di mercoledì 13 luglio, il pm titolare dell’inchiesta ha nominato i propri consulenti tecnici ossia un collegio di periti che era composto da professionisti come un medico legale, un pediatra e un anatomopatologo. Il consulente scelto dalla famiglia di Andrea Mirabile, invece, è il dottor Paolo Procaccianti, primario del servizio di Medicina legale del Policlinico.

Risultati dell’esame autoptico e condizioni cliniche dei genitori della vittima

Al termine dello svolgimento dell’autopsia, è stato comunicato che il deposito della consulenza tecnica avverrà tra circa tre mesi.

Nessuna causa del decesso evidente, quindi, pare sia emersa in sede d’esame. Per questo motivo, si attendono i dati che scaturiranno da ulteriori esami di laboratorio.

Nel frattempo, è stata disposta la restituzione della salma del bambino alla famiglia che procederà con l’organizzazione delle esequie.

In merito alla drammatica vicenda, si è espresso il team di avvocati che sta seguendo i coniugi Rosalia Manosperti e Antonio Mirabile, che ha dichiarato: “La famiglia ringrazia tutti coloro che hanno mostrato il loro affetto e la vicinanza con le preghiere e continua a richiedere silenzio e rispetto del proprio dolore”.

Per quanto riguarda le condizioni cliniche dei genitori del bimbo morto a Sharm el-Sheikh, la mamma Rosalia Manosperti è stata dimessa nella giornata di venerdì 8 luglio in buone condizioni mentre la sua gravidanza sta procedendo in modo regolare. Il papà del piccolo, Antonio Mirabile, invece, rimarrà ricoverato nel reparto di medicina del Policlinico di Palermo per altri tre giorni.

Contents.media
Ultima ora