> > Birmingham, ex cappellano fermato da hospice: "Non può indossare la croce"

Birmingham, ex cappellano fermato da hospice: "Non può indossare la croce"

cappellano marie curie in pensione

A un ex cappellano di Birmingham è stato impedito di entrare in un hospice con la croce cristiana perché "Creava barriera con i pazienti".

A Derek Timms, ex cappellano di 77 anni è stato vietato l’ingresso all’Hospice Marie Curie di Bimingham con il crocefisso cristiano.

La direzione dell’hospice: “Croce crea barriera con i pazienti”.

Birmingham, vietato ingresso con croce nell’hospice a ex cappellano

Derek Timms, ex cappellano di 77 anni ormai in pensione ha vinto una causa contro l’Hospice Marie Curie Solihull di Birmingham, dopo che gli era stato impedito di fare volontariato ai pazienti con addosso la croce cristiana.

Per cinque anni, infatti l’ex cappellanno ha confortato i malati terminali e le loro famiglie, senza mai ricevere denunce o segnalazioni.

Lo scorso settembre però un nuovo ministro metodista responsabile della cappellania ha vietato il contatto con i pazienti, perché la croce avrebbe potuto “creare una barriera“.

Le scuse dell’Hospice

Il signor Timms si è rifiutato di togliere la croce, in quanto segno della sua fede cristiana, ma a quel punto l’hospice ha chiesto al cappellano un’altra qualifica, altrimenti non avrebbe più potuto lavorare come volontario.

Grazie al sostegno del Christian Legal Centre, alla fine l’ex cappellano ha ricevuto “le scuse senza riserve” dal Marie Curie.

Ero completamente sbalordito e sconvolto. Sentivo che non aveva il diritto di impedirmi di indossare la croce“, ha commentato in seguito il signor Timms.

Un vero atto di fede

Capirei forse se fosse una croce enorme, ma ha le dimensioni di un’unghia. È solo una follia“, ha aggiunto il signor Timms, giustificando la sua azione.

Nonostante le scuse, alla fine l’ex cappellano ha deciso di lasciare l’hospice e di lavorare come cappellano della comunità nella sua chiesa locale.

Andrea Williams, amministratore delegato del Christian Legal Centre, ha dichiarato: “Derek non ha mai avuto una sola lamentela fino ad ora per aver indossato la sua piccola croce. Ha mostrato grande coraggio rifiutandosi di cedere alla pressione significativa per rimuovere ciò che contava così tanto per lui“.