×

Blitz della Dia: sequestrati 10 milioni di beni ad imprenditore

Dia

Un imprenditore agricolo di Paternò è stato accusato, questa mattina, di ‘caporalato’ da parte della Dia (Direzione investigativa antimafia) di Catania, diretta da Renato Panvino, che ha sequestrato i beni appartenenti all’uomo per un valore di 10 milioni di euro.

Il provvedimento, emesso dal Tribunale etneo su proposta del direttore della Dia Nunzio Antonio Ferla, è uno dei primi del genere eseguiti in Italia. Al centro delle indagini della Dia di Catania l’attività di un imprenditore agricolo accusato di aver costituito un’associazione, operante a Paternò e in Romania, per il reclutamento di manodopera romena da impiegare in assenza delle garanzie minime di tutela spettanti ai lavoratori, secondo le forme e modalità del cosiddetto ‘caporalato’.

Il patrimonio sequestrato comprende un’impresa individuale ed una società operanti nel settore agricolo, rapporti bancari, numerosissimi immobili ubicati tra la provincia di Catania e Messina e una decina di automezzi, per un valore complessivo di oltre 10 milioni di euro.

L’indagine

L’indagine della Dia ha portato agli arresti, oltre dell’imprenditore, anche del figlio e di altri cinque romeni.

Dall’inchiesta è emerso che l’imprenditore agricolo aveva costituito un’associazione, che operava a Paternò e in Romania, dedita al reclutamento di manodopera rumena per l’impiego nelle campagne paternesi in assenza delle garanzie minime di tutela che spettano ai lavoratori.

I braccianti stagionali romeni, attratti dalla possibilità di ottenere un lavoro, venivano ingaggiati in Romania.

Arrivati in Sicilia, a Paternò, il loro sogno diventava un incubo. Erano costretti a vivere in capannoni freddi senza acqua e energia elettrica, erano costretti a lavorare per dodici ore e per meno di 50 euro al giorno, ai quali venivano detratti dai 25 ai 30 euro per le spese di vitto e alloggio. I braccianti non avevano alcuna possibilità di ribellarsi, pena la perdita del lavoro.

Nel blitz in cui vennero contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata all’estorsione venne arrestato, oltre a Rosario Di Perna e al figlio, anche Nicu Rata un romeno che aveva il compito di reclutare in Romania i braccianti.

L’imprenditore era già stato arrestato il 31 marzo del 2015, ora a distanza di due anni l’inchiesta si è conclusa con il sequestro di un’impresa individuale e una società che operano nel settore agricolo, rapporti bancari, numerosi immobili tra la provincia di Catania e Messina, e una decina di automezzi.
Ulteriori dettagli dell’operazione verranno illustrati nel corso della conferenza stampa che si terrà alle ore 11.00, presso il Centro Operativo D.I.A., via Vecchia Ognina n.168, Catania.

Contents.media
Ultima ora