×

Boiler Summer Cup, una vittima: “Chiusa in casa per paura che il mio video finisse online”

La Boiler Summer Cup è l'ultima terrificante sfida di moda su TikTok. I ragazzi adescano coetanee in sovrappeso in discoteca e filmano la notte insiem

TikTok

Una vittima della Boiler Summer Cup ha raccontato su Fanpage.it quello che le è accaduto. Si tratta dell’ultima sfida di TikTok diventata virale, in cui i ragazzi adescano delle coetanee sovrappeso, passano la serata con loro e documentano tutto sul social network.

La Boiler Summer Cup, sfida virale su TikTok

Una ragazza di 16 anni, totalmente all’oscuro dell’ultima sfida virale su TikTok, ha avuto un incontro sbagliato. “Non posso darti il mio numero di cellulare, mi interessa solo vincere la Boiler Summer Cup” è la frase che si è sentita dire da un ragazzo. Quando è tornata a casa ha cercato delle informazioni online e ha trovato decine di video di ragazze riprese di nascosto sulla pista da ballo.

Si tratta dell’ultimo terribile fenomeno social in cui i ragazzi si sfidano per adescare ragazze in sovrappeso in discoteca e documentare tutto con il cellulare di nascosto. Chi “collezione più boiler” vince un ingresso gratuito in un locale a scelta. “Lei mi ha subito chiamato al telefono per raccontarmi tutto. Era devastata. Ha trovato decine di video di ragazze in sovrappeso riprese di nascosto dalle persone con le quali stavano trascorrendo la serata.

I volti delle malcapitate erano ovviamente ben visibili. L’episodio l’ha toccata nel profondo. Non ha voluto confidarsi neppure con i genitori che l’hanno vista chiudersi in casa dall’oggi al domani senza dare spiegazioni a nessuno” ha raccontato un’amica della vittima a Fanpage.it.

Il messaggio della studentessa

Daniela, 21enne amica della vittima della sfida, ha deciso di raccontare questa storia per evitare che altre ragazzine possano vivere quello che ha vissuto la sua amica.

Questa sfida è ai limiti del bullismo ed è pericolosa per la salute fisica e mentale delle ragazze. Il rischio di portare le vittime, spesso giovanissime, sulla strada dei disturbi alimentari è altissimo. Non è giusto che un’adolescente di 16 anni viva nel terrore di trovare su internet video o foto di una serata trascorsa in discoteca. La mia amica sta attraversando settimane molto difficili e si vergogna di quello che è successo, come se avesse scelto lei di partecipare a questa sfida” ha dichiarato. La sfida dovrebbe iniziare il 21 giugno, ma in tanti hanno già iniziato. Lo scopo è quello di sminuire le ragazze in base al loro peso e i punti guadagnati aumentano se si riesce a diventare virali e distruggere l’autostima delle ragazze. Una sfida che consente ai bulli di avere successo.

Contents.media
Ultima ora