×

Bombe al fosforo sull’acciaieria Azovstal di Mariupol

Calore che sarebbe arrivato oltre i 2mila gradi Celsius e termite nei proietti: le terrificanti bombe al fosforo sull’acciaieria Azovstal di Mariupol

guerra in ucraina Mariupol

Le truppe della Russia avrebbero impiegato ancora una volta le bombe al fosforo e stavolta le avrebbero usate sull’acciaieria Aazovstal di Mariupol allo scopo di stanare gli ultimi resistenti del battaglione Azov e dei Marines ucraini. La denuncia arriva via sociale da portavoce del sindaco Petro Andryushchenko che poche ore prima aveva avvisato delle intenzioni di Moca di indire un referendum e quindi di avere il pieno controllo della città sul Mar d’Azov, il portavoce ha parlato di “temperature infernali”.

Bombe al fosforo sull’acciaieria di Mariupol

E nelle ore in cui il vicesegretario Nato ribadisce che “l’Ucraina può vincere” la guerra da Kiev arriva la nota per cui i russi a Mariupol, sull’acciaieria Azovstal, hanno lanciato bombe al fosforo. “I russi hanno lanciato bombe incendiare o al fosforo contro l’acciaieria Azovstal”. La denuncia del consigliere del sindaco Petro Andryushchenko su Telegram sarebbe dettagliata: “Ieri gli occupanti hanno usato per la prima volta bombe incendiarie o al fosforo contro i difensori di Mariupol”.

“Termite e temperature di 2mila gradi”

E ancora: “Gli stessi occupanti affermano che sono stati usati proiettili incendiari 9M22C con strati di termite. La temperatura di combustione è di circa 2-2,5mila gradi Celsius. È quasi impossibile fermare la combustione. L’inferno è sceso sulla terra alla Azovstal”. Le bombe al fosforo, pur non essendo classificate come arma chimica, sono state vietate in uno degli ultimi aggiornamenti della Convenzione di Ginevra.

Contents.media
Ultima ora