Scoperto il bunker segreto di Hitler in Francia: le foto
Scoperto il bunker segreto di Hitler in Francia: le foto
Storia

Scoperto il bunker segreto di Hitler in Francia: le foto

hitler

L'esploratore e fotografo urbano Marc Askat ha scoperto un bunker segreto di Hitler in Francia, usato nel corso della seconda guerra mondiale

Adolf Hitler, come tutti sappiamo, ha commesso probabilmente le più orribili atrocità della storia umana. L’esploratore e fotografo urbano Marc Askat ha sfidato la stagione di caccia per inoltrarsi nella fitta campagna boschiva nel nord della Francia. L’uomo era alla ricerca di un nuovo soggetto per le fotografie e si è così imbattuto in quello che si suppone possa essere niente meno che uno degli ultimi bunker del dittatore tedesco. Si tratterebbe, in particolare, del luogo in cui il leader nazista aveva pianificato l’invasione della Gran Bretagna.

bunker nazista

La misteriosa fortezza sotterranea è piena di storie, che raccontano una delle guerre più devastanti della storia umana. Nonostante abbia trovato e fotografato il bunker, Askat non ha mai rivelato la sua posizione esatta. Si scoprì solo in seguito che desiderava mantenere il segreto di Hitler del bunker sotterraneo. Questa non è la prima volta che il fotografo parigino ha scoperto un intrigante sito di storia della seconda guerra mondiale e l’ha fotografato.

Ha anche utilizzato la corrispondenza dei soldati per scoprire un ospedale sotterraneo del secondo conflitto mondiale e numerose reliquie in tempo di guerra.

Il bunker segreto nazista immerso nella foresta francese

Tuttavia, la sua avventura per scoprire l’ultimo bunker di Hitler è stata sicuramente la più difficile. Dall’osservazione di queste foto si desume come il sinistro bunker fosse situato fuori da ogni radar, profondo della foresta. La maggior parte delle persone sa che Hitler era fuggito in un bunker in territorio tedesco, nel tentativo fallito di salvare i suoi sforzi bellici di guerra. Ma quello tedesco, evidentemente, non era l’unico bunker usato da Hitler. Askat ha infatti scoperto un altro bunker in Francia, che era stato usato per pianificare l’invasione della Gran Bretagna.

bunker di Hitler

Dopo aver attraversato la fitta foresta durante una pericolosa stagione di caccia, Askat vide un edificio fatiscente in cemento avvolto dalla vegetazione. Non era del tutto sicuro di cosa avrebbe trovato all’interno, ma tirò fuori la sua macchina fotografica per documentare l’esperienza.

All’esterno della costruzione, il fotografo trovò un’enorme piscina. Sopra di essa era presente un telone gigante, appeso per nascondere gli ufficiali tedeschi mentre vi nuotavano dento. La pozza vuota ora coperta di muschio, ma la grandiosità di questo bunker nazista nella tranquilla campagna francese sembrava inquietante.

Seconda guerra mondiale: le rovine dell’ultimo bunker di Hilter in Francia

Nel momento in cui Askat individuò il bunker, dovette trovare anche un modo per entrarci. Le porte e le finestre erano coperte da persiane arrugginite, progettate per tenere lontano gli intrusi. L’entrata sembrava uscita direttamente da un film di Indian Jones. Alla fine, l’esploratore urbano riuscì a trovare un’apertura. Il bunker scoperto da Askat era lontano dall’unico bunker che Hitler aveva in Francia. Le rovine dei bunker nazisti esistono ancora in tutta la Francia settentrionale, tra cui il bunker Batterie Todt vicino alla Normandia e un bunker per il lancio di razzi che non fu mai completato, chiamato Le Blockhaus.

I nazisti occuparono la Francia per diversi anni nel corso della seconda guerra mondiale, fino alla liberazione di Parigi nel 1944.

seconda guerra mondiale

L’interno del bunker segreto di Hitler

All’interno del buio e squallido bunker, Askat ha trovato numerosi ricordi strazianti del passato. Sebbene molte delle assi del pavimento fossero cadute, era possibile vedere ancora vecchi contenitori e detriti in decomposizione disseminati in alcune stanze. A ricordare che questo spazio era stato vissuto da persone in carne e ossa. Prima dei bunker sotterranei, i diritti legali e sociali degli ebrei venivano lentamente ma costantemente limitati in Germania. Durante gli anni 30 furono poi approvate numerose leggi antisemite. Nel 1933 gli ebrei e altri “non ariani” furono esclusi dal servizio civile. I professionisti ebrei furono radiati e picchiati.

adolf hitler

All’interno del bunker sono presenti tortuosi corridoi sotterranei costruiti in cemento. Questi lugubri passaggi erano rinforzati da spessi muri e da porte di metallo.

Lo scopo era evidentemente quello di proteggere dalle forze alleate i nazisti che tramavano sotto terra. Per arrivare a questo punto, i nazisti spogliarono gli ebrei di sempre più diritti. Finché non ebbero più nessuna forza di resistere. Sempre nel 1933 fu approvata anche una legge eugenica, a seguito della quale 400.000 persone vennero sterilizzate contro volontà. Le Leggi di Norimberga, approvate due anni dopo dallo stesso Hitler, proibivano anche ai tedeschi “ariani” di avere rapporti con gli ebrei e in seguito anche con altri gruppi “non ariani”. Alcuni artisti e intellettuali perseguitati riuscirono a fuggire dalla Germania prima della seconda guerra mondiale. Ma moltissime altre persone, purtroppo, non furono altrettanto fortunate.

bunker francese

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche