Burioni smentisce: "Non lascio Rimini per minacce no vax"
Burioni smentisce: “Non lascio Rimini per minacce no vax”
Cronaca

Burioni smentisce: “Non lascio Rimini per minacce no vax”

Burioni minacciato dai no vax
Burioni minacciato dai no vax

Su Twitter e in un'intervista al Giornale, il medico ha garantito che le minacce verbali non si sono tradotte in alcun atto concreto.

Il noto virologo Roberto Burioni è diventato il simbolo della battaglia a sostegno dei vaccini obbligatori. A causa delle sue prese di posizione è finito nel mirino di diversi no vax che lo hanno insultato e minacciato sui social. È stata diffusa la voce che il medico abbia lasciato Rimini proprio per paura di tali intimidazioni. Ma Burioni stesso ha smentito, in un’intervista a Il Giornale. “Lascio Rimini solo perché sono terminate le mie vacanze, piacevolissime per me e per la mia famiglia”, ha spiegato su Twitter. Sembra inoltre che nella città romagnola non abbia ricevuto “alcuno sgarbo, ma solo attestazioni di stima”. Le minacce verbali sul web sono rimaste tali e non si sono tradotte in alcun atto concreto.

Tuttavia Burioni non nasconde il clima teso in cui la sua famiglia è costretta a vivere. Sua moglie, in particolare, è “molto preoccupata” e sua figlia di 7 anni ha “diritto a passare vacanze serene”. Per questo i tre hanno fatto le valigie e si sono recati in campagna, dove potranno godere di più tranquillità.

La smentita via Twitter

Minacce no vax

Tra i numerosi episodi, spicca quello in cui il volto di Burioni è stato sostituito a quello di Aldo Moro, il leader della Dc rapito dalle Brigate Rosse.

Una donna gli ha augurato di affogare durante il suo soggiorno sulla riviera romagnola. “Sono veramente una schiappa in tutti gli sport, tranne uno: il nuoto”, ha dichiarato il medico a Il Resto del Carlino. “Mi dispiace per la signora Alessandra di Rimini che si augurava un mio annegamento. Non succederà”.

Burioni come Moro

Nonostante proteste e minacce, il virologo è deciso a continuare la sua battaglia di sensibilizzazione sull’importanza dei vaccini, anche e soprattutto sul web. “Ho capito che lasciare l’esclusiva dei social ai contrari dei vaccini sarebbe stato drammatico. E ho cominciato ad usarli anch’io, e sembra con successo. Mi minacciano perché dico dati di fatto“, a differenza di tanti che vivono “nel Medioevo, nell’Oscurantismo”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 754 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.