Burka, chador, niqab e burkini: ecco le differenze
Burka, chador, niqab e burkini: ecco le differenze
Guide

Burka, chador, niqab e burkini: ecco le differenze

burkini

Alcuni particolari dell’abbigliamento delle donne musulmane possono sembrare simili ai noi europei. Non è così, ecco una breve guida.

Niqab. Si tratta di un velo che copre la testa per intero, lasciando scoperti gli occhi. Di solito è abbinato a un abito nero che copre l’intera figura della donna, dalle spalle ai piedi, chiamato abaya.

Hijab. E’ un velo che copre testa e spalle, ma lascia scoperta per intero la faccia. E’ simile ad una sorta di lunga sciarpa chiamata dupatta. Si può indossare con abiti informali.

Burka. E’ l’abito più estremo. Copre per intero la figura femminile, inclusi testa, faccia e occhi. Il burka è dotato di una sorta di finestrella “grigliata” posta davanti agli occhi, attraverso la quale è possibile vedere.

Chador. Si tratta di un abito che lascia scoperto solo il viso e di solito viene tenuto chiuso nella parte frontale da chi lo indossa.

Il burkini, infine, di cui si parla molto negli ultimi giorni, è un costume da bagno che lascia scoperti solo piedi, mani e viso.

Ideato dalla stilista australiana Aheda Zanetti fra il 2004 e il 2007, si compone di una parte superiore con hijab (che funge da cuffia) e di una inferiore (pantaloni), entrambe in un tessuto sintetico del tipo dei comuni costumi da bagno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*