Cagliari: dal 7 aprile le partite in casa a Trieste? - Notizie.it
Cagliari: dal 7 aprile le partite in casa a Trieste?
Calcio

Cagliari: dal 7 aprile le partite in casa a Trieste?

Trieste sta per ritrovare la Serie A. Calmi, nessuna illusione per i tifosi unionisti: le trattative per l’acquisisizione dell’Alabarda, fallita lo scorso gennaio, proseguono ma in silenzio ed ora c’è da pensare a mantenere la Prima Divisione. Piuttosto molto a breve il “Rocco” ospiterà per la prima volta partite di massima serie: qui infatti giocherà il Cagliari a partire da sabato 7 aprile contro l’Inter visto che per bocca del presidente Cellino il club avrebbe già chiesto le necessarie autorizzazioni per lasciare fino a fine stagione il Sant’Elia in attesa di fare chiarezza durante l’estate. La vicenda, nota, è quella che si trascina ormai da mesi di un impianto vecchio e pure largamente inagibile da inizio 2012 a causa della caduta di calcinacci che hanno portato alla chiusura di un intero settore, quello dei Distinti oltre che di un’intera curva riducendo la capienza dello stadio a 14.200 posti.

Una situazione non solo contro il regolamento visto che il Sant’Elia gode ormai da tempo di una deroga ma soprattutto desolante per una città come Cagliari, che va a sommarsi alla storiaccia relativa al nuovo stadio, che Cellino vuole costruire nella zona di Elmas, la Karalis Arena, ma per il quale è indagato insieme al sindaco della cittadina per abuso d’ufficio e tentata estorsione.

Da qui le dichiarazioni al vetriolo tra Cellino e l’amministrazione comunale tanto di Elmas che di Cagliari. Una mossa, quella di Cellino, anche strategica considerando che i rossoblù devono ancora ospitare tra le altre Inter e soprattutto Juventus, e l’esodo dei tifosi bianconeri al “Rocco” il 6 maggio assicurerebbe un bell’incasso al numero uno del club sardo. Dal canto suo l’amministrazione comunale di Trieste ha già dato la propria “massima disponibilità” per bocca dell’assessore allo sport Emiliano Edera: “Non ci sono problemi. Anzi siamo grati di questa offerta e tra poco passeremo alla fase operativa contattando la società sarda” ha dichiarato Edera.

Qualche problema emergerebbe per le partite contro Chievo e Catania rispettivamente del 15 e 29 aprile vista la concomitanza con le gare interne della Triestina ma gli ostacoli sembrano superabili anticipando magari al venerdì le partite dell’Unione. Possibile che si tratti solo di una mossa strategica per “spaventare” l’amministrazione comunale di Cagliari? Lecito pensarlo ma almeno per l’immediato Cellino sembra fare sul serio.

L’ultima parte di stagione vedrà quindi improbabili trasferte dei tifosi sardi in terra giuliana: c’è da credere che gli spalti del Rocco, che è comunque un impianto tra i più recenti e belli del calcio italiano, saranno semivuoti almeno per la parte di tifoseria cagliaritana. Sempre meglio però degli spettatori di cartone inventati nella scorsa stagione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche