×

Calderoli sui parenti No Vax: “Provo a convertirli, ad uno ho tolto il saluto”

Il senatore della Lega, Roberto Calderoli, ha raccontato le sue vacanze natalizie tra tamponi e tentativi di convincere i parenti a vaccinarsi

calderoli

Il senatore della Lega, Roberto Calderoli, ha raccontato le sue vacanze natalizie tra tamponi e tentativi di convincere i parenti a vaccinarsi.

Roberto Calderoli sui parenti No Vax: il Covid

Roberto Calderoli, vicepresidente leghista del Senato e da anni alle prese con diversi problemi di salute, racconta cosa pensa del Covid: “Rispetto al Covid mi sento come lo sciatore che fa lo slalom tra i paletti.”

Roberto Calderoli sui parenti No Vax: i convincimenti

Calderoli ha parlato anche dei suoi parenti No Vax e di come ha provato a convincerli a cambiare idea e a procedere con la somministrazione: “Prima bisogna fare ogni sforzo di convinzione. Io su sette contrari ai vaccini con cui mi sono confrontato sono riuscito a convertirne cinque. Se lasciamo perdere le scomuniche e proviamo, ciascuno di noi, a convincere qualcuno la percentuale dei No Vax può essere ridotta.”

Roberto Calderoli sui parenti No Vax

Non sempre però le cose sono andate come Calderoli poteva sperare: Una delle due persone con cui ho fallito è un mio parente. Ho discusso con lui per ore e ore, ho fatto notte e poi sono stato costretto a mandarlo a quel paese. Gli ho tolto il saluto, non deve nemmeno provare a telefonarmi. Chi si chiama fuori dalla responsabilità collettiva deve essere messo ai margini.”

Contents.media
Ultima ora