×

Caldo record in arrivo in Italia nella settimana del 18 luglio: previste temperature “insopportabili”

Si parla di temperature davvero insopportabili in Italia la prossima settimana, ecco le previsioni meteo.

caldo sole

Tenetevi forte e preparatevi psicologicamente perché, ahinoi, è in arrivo in Italia una nuova forte ondata di calore: luglio 2022 sarà ricordato come uno dei più bollenti di sempre, con temperature che continuano ad aumentare sembrano davvero non volerci dare tregua.

La settimana del 18-24 luglio sarà davvero impegnativa, ecco quali sono le previsioni.

Nuova ondata di calore: le previsioni della settimana prossima

Come riporta GreenMe il termometro nei prossimi giorni toccherà nuovi picchi. Il cosiddetto anticiclone Apocalisse 4800 porterà sul nostro Paese temperature insopportabili, fino a 41 gradi.

Il nome dell’anticiclone è legato al fatto che per trovare una temperatura di 0 gradi sarebbe necessario salire a quota 4800 metri, cosa tra l’altro quasi impossibile nel nostro paese visto l’unica nostra montagna che supera tale altezza è il Monte Bianco.

Le ondate di calore più intense saranno registrate in giro per la Penisola già da lunedì, andando ad intensificarsi il mercoledì. Le regioni più colpite dalle torride temperature saranno soprattutto quelle del Nord, in pianura in modo particolare, ma si registreranno temperature folli anche in Toscana, Lazio, Puglia, Sicilia e Sardegna.

Le previsioni per luglio non sono delle più confortanti: l’ondata di calore che sta colpendo il nostro paese (e mezza Europa) dovrebbe proseguire fino a fine mese.

Molto scarse anche le piogge previste, eccezion fatta per qualche breve temporale in regioni come Piemonte, Veneto, Trentino Alto Adige, Abruzzo, Campania e Molise.

Il giorno più caldo

Risulta necessario sottolineare come le temperature supereranno quasi ovunque i 33 gradi. La giornata peggiore sarà però proprio quella di mercoledì 20 luglio: si parla infatti di picchi fino a (tenetevi forte) 44/45 gradi in regioni come l’Emilia Romagna, in molte zone interne del Centro, della Puglia, della Sicilia e della Sardegna.

Contents.media
Ultima ora