Cambridge Analytica cos'è
Cambridge Analytica cos’è
Scienza & Tecnologia

Cambridge Analytica cos’è

Cambridge Analytica
Cambridge Analytica

Scoppia l'ennesimo problema di sicurezza dati su Facebook: il titolo crolla in borsa dopo lo scandalo Cambridge Analytica.

Dal 16 marzo 2018 il social network più famoso e chiacchierato al mondo, Facebook, sta subendo molti contraccolpi a causa dello scandalo Cambridge Analytica: il capo della sicurezza di Facebook Alex Stamos si è dimesso e il titolo del social network è crollato a Wall Street. Ma cos’è Cambridge Analytica?

Cambridge Analytica

Cambridge Analytica è un’azienda che si occupa di consulenza e di marketing. La società è stata fondata nel 2013 da Robert Mercer, che è un imprenditore statunitense con idee conservatrici. Si tratta di uno dei principali finanziatori del sito di estrema destra diretto da Steve Bannon, Breitbart News. L’azienda è specializzata nella raccolta dei dati degli utenti da diversi social network, tra i quali figura Facebook. Le informazioni raccolte dalla società in un secondo momento sono elaborate attraverso dei modelli e degli algoritmi e vengono creati dei profili di ogni utente in base alle abilità, ai comportamenti e alle caratteristiche della personalità.

Come funziona

La società del miliardario Robert Mercer ha acquisito nel corso del tempo molte informazioni ottenute tramite i “broker dei dati”, che sono a loro volta delle società che si occupano di raccogliere informazioni di qualsiasi genere sulle abitudini e sui consumi delle persone.

L’azienda ha inoltre sviluppato un sistema di microtargeting comportamentale: si tratta di indirizzare a ogni singolo utente una pubblicità fortemente personalizzata. I responsabili del progetto hanno affermato che sono in grado di spingere non solo sui gusti ma soprattutto sulle emozioni di ogni utente. L’algoritmo che è stato sviluppato da un ricercatore di Cambridge Michal Kosinski che ha affermato che tramite solo 70 Mi piace si può conoscere la personalità, tramite 150 avere una conoscenza superiore ai genitori, tramite 300 una conoscenza superiore al partner.

Precedenti

Nel 2015 Aleksandr Kogan, un altro ricercatore di Cambridge aveva sviluppato un’applicazione chiamata “thisisyourdigitallife”. Questa applicazione era in grado di produrre profili psicologici basandosi solamente sulle attività svolte online dagli utenti. Era necessario solamente loggarsi utilizzando l’account Facebook. In un primo momento questa pratica era lecita ma quando Kogan ha condiviso i dati con Cambridge Analytica sono stati violati i termini d’uso. Facebook infatti vieta ai proprietari di applicazioni di condividere con società terze i dati che vengono raccolti sugli utenti. La società si era autodenunciata ma il social ha sospeso Cambridge Analytica solamente il 16 marzo 2018.

Un problema spinoso

I problemi scaturiti dallo scandalo dimostrano come Facebook abbia un problema nel garantire che non si faccia un uso non autorizzato dei dati degli utenti. Nella questione sono implicate anche le elezioni americane del 2016 e altri avvenimenti politici dell’ultimo periodo. Per quanto riguarda le elezioni americane 2016 si sa che il comitato che gestiva la campagna elettorale di Trump aveva affidato alla società la gestione della raccolta dei dati. Tuttavia non si conosce la misura della partecipazione dell’azienda né gli strumenti messi in atto: si sa solo che la campagna venne condotta su larga scala. Non si sa neppure con certezza se le informazioni siano state poi passate alla Russia. La questione è molto complessa e dovrà essere chiarita celermente dato che ormai le persone passano la maggior parte del tempo collegati e non si preoccupano, nella maggior parte dei casi, del rilevamento dei loro dati.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Y Not? Borsa Donna a Tracolla Y NOT J-331 Champs Elysees
51.6 €
86 € -40 %
Compra ora