×

Camilla Canepa morta dopo Astrazeneca, Pregliasco: “Valutare la responsabilità del medico”

Il virologo Pregliasco ha parlato della vicenda di Camilla, la 18enne morta a Genova dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca.

Pregliasco parla della morte di Camilla dopo il vaccino

Camilla Canepa aveva solo 18 anni. Ed una vita davanti a sè. Eppure un semplice vaccino se l’è portata via. La fanciulla soffriva di piastrinopenia autoimmune familiare, una rara forma di malattia autoimmune della coagulazione, caratterizzata da una carenza di piastrine nel sangue ed assumeva una terapia ormonale.

Camilla, il 25 maggio scorso, si era recata all’Open Day dove le è stato somministrato l’AstraZeneca. La 18enne è morta all’ospedale San Martino di Genova a seguito di una trombosi. 

Morta dopo vaccino AstraZeneca, Camilla soffriva di piastrinopenia autoimmune: era scritto sull’anamnesi?

Perciò, gli investigatori stanno analizzando bene la situazione, cercando in primis di capire se queste informnazioni sulla patologia di Camilla fossero state indicate nell’anamnesi prima della somministrazione della dose. 

La 18enne morta di trombosi

Morta dopo vaccino AstraZeneca, Camilla soffriva di piastrinopenia autoimmune: “Valutare la responsabilità del medico curante”

É anche Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano, che a Fanpage.it dice la sua sulla vicenda di Camilla:

“Il fatto che soffrisse di questa patologia doveva essere valutato, sopratutto sarà importante valutare se c’era nell’anamnesi e se è stato segnalato. A questo punto diventa purtroppo una responsabilità del medico vaccinatore se non ha raccolto questi dati nella scheda anamnestica”.

Il virologo pine anche l’attenzione sulla patologia di cui soffriva la 18enne:

“É un pò quello che succede con la vaccinazione, una problematica di auto-anticorpi che abbassano la quota di piastrine nel sangue, il che l’ha resa un soggetto fragile anche rispetto alla scelta del vaccino. Anche questo poteva essere valutato meglio nell’anamnesi. A questo punto non possiamo fare altro che aspettare i risultati dell’autopsia e capire cosa deciderà di fare l’autorità giudiziaria”.

Morta dopo vaccino AstraZeneca, Camilla soffriva di piastrinopenia autoimmune: “Si continuerà con AstraZeneca, i cittadini possono stare tranquilli”

Ciò nonostante, Pregliasco ha pure marcato bene la sua posizione, secondo la quale è comunque necessario accelerare e non bloccarsi per nessun motivo con la campagna di vaccinazione: ciò significa che per lui bisogna proseguire anche con l’utilizzo di AstraZeneca, in quanto il virus sta ancora circolando e non è stato ancora battuto. Basti pensare alla Gran Bretagna. Questo non significa che non bisogna stare più tranquilli rispetto ai mesi precedenti. Soprattutto, non bisogna perdere fiducia nella sicurezza massima dei farmaci e dei vaccini.

Pregliasco, inoltre, ha rassicurato dicendo che: 

“Per chi ha fatto la prima dose e deve fare la seconda non c’è nessun tipo di problema. Non è successo niente, non abbiamo avuto nessun caso di trombosi dopo le prime dosi, i cittadini possono stare tranquilli”.

Contents.media
Ultima ora