Camogli solidale verso le 5 Terre e le Valli del Magra - Notizie.it
Camogli solidale verso le 5 Terre e le Valli del Magra
Genova

Camogli solidale verso le 5 Terre e le Valli del Magra

Venerdì 28 ottobre 2011 alle ore 21,00 si è svolta una riunione presso la sede “U Dragun” di Camogli per offrire sostegno e solidarietà alle popolazioni colpite dalla recente alluvione, in particolare una località delle Cinque Terre e una della Valle del Magra. Molte le associazioni di Camogli e di alcuni paesi limitrofi presenti alla riunione per creare un coordinamento tra associazioni e gruppi, aperto a tutte le realtà che intendono e intenderanno aderire. Da contatti effettuati presso Protezione Civile e Sindaci dei comuni si prevede di privilegiare la raccolta fondi. La raccolta di cose sarà solo finalizzata su precise richieste e destinazioni. Camogli, quale città di mare e impegnata nella tutela del territorio e del paesaggio, anche come patrimonio culturale, intende destinare l’iniziativa a uno dei paesi maggiormente colpiti nelle Cinque Terre, individuando anche una realtà della Valle del Magra con particolari esigenze di solidarietà. E’ emerso l’orientamento di suddividere in parti uguali l’ammontare della raccolta.

Il 31 ottobre 2011 è stata contattata la Cassa di Risparmio di Camogli per aprire un CC.bancario finalizzato ponendo come eventuali garanti il Comune (nella figura del Sig. Sindaco) e la presidenza di una delle associazioni da definire. L’Assessore Risicato si è impegnato a contattare i Sindaci di Vernazza e Monterosso e Aulla, ed eventualmente altri comuni della valle Magra più piccoli e bisognosi per poter avere tutti gli elementi per definire i due comuni destinatari dell’iniziativa.
I referenti per tale iniziativa sono l’Assessore Guido Risicato, la Croce Verde di Camogli, il Gruppo U DRAGUN nelle figure di Andrea Costa (349 1424058) e Antonio Leverone (329 1016330). Al fine di rendere più veloci le comunicazioni si invitano gli aderenti a comunicare i rispettivi indirizzi email a: antonio.leverone@fastwebnet.it.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*