Campobasso: una gallina blocca il traffico in via Garibaldi
Campobasso: una gallina blocca il traffico in via Garibaldi
News

Campobasso: una gallina blocca il traffico in via Garibaldi

animali selvatici per strada
animali selvatici per strada

Gli incidenti stradali con animali sono in costante aumento, a causa soprattutto dello scarso rispetto delle norme del codice della strada.

In questo particolare periodo dell’anno stiamo assistendo a diversi incidenti stradali con coinvolgimento degli animali selvatici. Questo termine “selvatici” implica che si sta parlando di una specie animale che vive allo stato libero e non addomesticato.

Può accadere che questa tipologia di animali possano accidentalmente incontrarsi e quindi scontrarsi con le vetture guidate dai conducenti delle loro auto causando danni non solo alle vetture stesse ma anche e soprattutto alle persone. In situazioni come queste, sorgono diverse preoccupazioni, tra cui, a prescindere dai profili di responsabilità, quella di individuare l’ente al quale rivolgersi per chiedere il risarcimento dei danni e le modalità con cui farlo.

Come prima cosa dovrete naturalmente, e in quanto doveroso, accertarvi dello stato di salute dell’animale coinvolto, ed eventualmente fare intervenire un organo di polizia stradale e gli appartenenti al Corpo Forestale dello Stato e la Polizia Provinciale.

Non è sempre detto però che la responsabilità del sinistro ricade sul conducente. Gli animali, in particolare quelli selvatici hanno una condotta del tutto imprevedibile e per questo possono sorprendere anche l’automobilista più accorto, potrebbero arrivare in una frazione di secondo sulla carreggiata e così facendo causare incidenti stradali inevitabili.

Una scena quanto meno singolare è quella che hanno vissuto gli abitanti della città di Campobasso, in particolare gli inquilini di via Garibaldi, i quali si sono trovati con una gallina vagante per la strada che ha conitnuato a starnazzare a lungo per tutto il quartiere, tra i palazzi e per la strada.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche