×

Cancún: testo finale con timidi risultati, ma rinvio del Protocollo di Kyoto

I governi mondiali hanno approvato sabato 11 dicembre il testo finale del vertice di Cancún, sotto l’egida dell’ONU. In un primo documento è prevista la creazione del Green Climate Fund, un fondo di 100 miliardi di dollari l’anno per aiutare le nazioni più povere a sostenere l’impatto dei cambiamenti climatici, per proteggere le foreste tropicali e per condividere le tecnologie di energia pulita. È stato stabilito anche come obiettivo la limitazione dell’aumento della temperatura terrestre ai 2 gradi Celsius rispetto al periodo pre-industriale.

Non è stato fatto però alcun progresso riguardo a possibili misure per estendere il Protocollo di Kyoto, che impegna quasi quaranta paesi industrializzati a ridurre le emissioni di gas serra. Questo insuccesso ha portato un certo sgomento nei gruppi ambientalisti: il primo round di colloqui di Kyoto scadrà nel 2012, e il Protocollo ancora non include né la Cina, né gli USA, che però sono i paesi con la più alta emissione di gas serra.

Non si è ripetuto il flop di Copenaghen, ma la strada da percorrere è ancora lunga.

Il successo principale dei colloqui consiste nell’impulso dato alla cooperazione multilaterale, dopo un lungo periodo di sfiducia in questo strumento.
La Bolivia tuttavia si dice insoddisfatta: con il suo rifiuto ha minacciato di non far passare il documento; secondo il capo negoziatore Pablo Solon, i risultati raggiunti non sono sufficienti, i paesi sviluppati hanno fatto troppo poco per tagliare le emissioni di gas inquinanti; per questo la Bolivia, farà ricorso presso tutte le istanze internazionali contro la decisione di spostare il secondo periodo del Protocollo di Kyoto.

2
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
1 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
2 Commentatori
più recenti più vecchi
barbara

Cancun: successo? Insuccesso? Come sempre non si è risolto nulla di concreto, ma almeno sono stati ulteriori passi avanti per la sensibilizzazione dei problemi legati ai cambiamenti climatici.
Anche questa volta, come tutti gli eventi marginali per i più, ma che riguardano tutti, se n’è parlato più sul web che nei classici canali di comunicazione e informazione. Fortuna che esistiamo noi internauti!!! http://wp.me/szueo-cancun

Valentina Zuri

Hai perfettamente ragione! Cerco proprio di dare voce alle notizie meno sentite, meno paparazzate… l’informazione ormai passa soprattutto sul web!

Leggi anche