×

Cannavacciuolo dopo il Covid: “Apro tre resort e un ristorante”

Antonino Cannavacciuolo ha rivelato la prossima apertura estiva di ben quattro nuovi locali: l'entusiastica ripartenza dopo il Covid

antonino cannavacciuolo
antonino cannavacciuolo

Il sogno del padre di aprire un ristorante a Ticciano, suo paese natio, si avvererà presto. Stiamo parlando di Antonino Cannavacciuolo, che ha rivelato di aver in progetto di avviare la nuova struttura tra pochi mesi nella casa padronale comprata per lui dal genitore nel 1995.

“Sono felice di realizzare questo suo desiderio, perché è a lui che devo il mio successo. Tra noi c’è sempre stato un rapporto di sfida. Tutto quello che faccio è sempre per dimostrargli qualcosa”.

45 anni e 4 stelle Michelin, Cannavacciuolo sta dunque tornando in Campania, partendo dalla terra d’origine della moglie Cinzia. Al suo nuovo progetto sta del reato lavorando da anni, portandolo avanti nonostante la pandemia. “Gli ultimi 12 mesi sono stati pesanti.

Tutto fermo, tanta incertezze e problemi per tutti. Però non abbiamo voluto rimandare questa apertura, perché crediamo che ci sia tanta voglia di ripartire”.

Visualizza questo post su Instagram

Ci sono ricette che proprio non possono mancare durante le festività e a Pasqua una tra queste è sicuramente la Pastiera! Un guscio di pasta frolla che racchiude tutti gli aromi e i profumi tipici della tradizione partenopea. Un dolce speciale e goloso, che richiede l’utilizzo dei migliori ingredienti e di un’attenzione particolare nella lavorazione artigianale. Perfetta in ogni momento della giornata, da gustare cucchiaino dopo cucchiaino. Se anche tu, come me, sei un amante delle tradizioni, clicca sulla fotografia e prova il sapore unico della mia pastiera! Non te ne pentirai, parola di Antonino! 😋😍

Un post condiviso da Antonino Cannavacciuolo (@antoninochef)

Guarito anche lui dal Covid, il popolare giudice di Masterchef guarda avanti.

La prossima estate darà infatti il via all’inaugurazione di tre “Laqua Resorts”, nuova linea di ospitalità ideata con la consorte. Il ristorante a Ticciano avrà invece sei camere “di campagna”, che si chiameranno come le persone che hanno abitato la casa. I nomi delle stanze saranno per esempio dedicate alla nonna, al tuttofare e al matto… mettendo a disposizione degli ospiti anche una piscina e una spa.

Contents.media
Ultima ora