Capitali europee meno visitate: l'elenco semi-ufficiale
Capitali e città europee meno visitate: l’elenco semi-ufficiale
Viaggi

Capitali e città europee meno visitate: l’elenco semi-ufficiale

capitali europee

Quali sono i paesi e le città meno visitati d'Europa? Ecco i luoghi meno turistici, seppure incantevoli, meno conosciuti d'Europa.

Online si trovano spesso classifiche di ogni genere e su ogni tema. Dalle città più belle a quelle più grandi, fino a quelle più famose e visitate. Ma quali sono invece le capitali europee meno visitate, seppure con interessanti elementi culturali e paesaggistici? Ecco quindi una classifica semi-ufficiale delle città che attirano il minor numero di turisti all’anno. Se siete dei tipi “controtendenza”, vi consigliamo di proseguire la lettura. Potreste anche trovare la meta perfetta per le vostre prossime vacanze!

Tallin in Estonia: al primo posto tra le capitali europee meno note collochiamo la città di Tallin, capitale dell’Estonia. Questa è senz’altro una sorpresa, dal momento che si tratta di una città in forte espansione. Di certo fra tutte quelle le presenti in classifica è la città con maggiori potenzialità. Non sorprenderebbe vederne crescere il numero di turisti nei prossimi anni.

Podgorica in Montenegro: è opinione diffusa che la città, così come il resto della nazione, abbia poco da offrire dal punto di vista turistico.

Il clima rigido non favorisce di certo l’affluenza di visitatori. Inoltre nelle estreme vicinanze non vi sono importanti centri turistici.

podgorica-824440_960_720

Lussemburgo: si tratta di uno degli stati più piccoli d’Europa, quindi non proprio ricco di attrattive. La città è però nota per alcuni castelli davvero meritevoli, come il Castello di Vianden, quello di Beaufort e il Castello di Boursheid.

Capitali europee meno visitate per motivi più o meno palesi

Minsk in Bielorussia: le città europee dell’ex Unione Sovietica non sono molto gettonate. Tra tutte la Bielorussia è una delle meno visitate. La sua capitale si aggiudica questo triste primati. Eppure i posti da andare a vedere sarebbero tanti. Come la cattedrale di San Giuseppe, la Chiesa Rossa, quella di San Pietro e Paolo, quella di Santa Maria Maddalena. Altre cose che meritano una visita sono l’Obelisco della Vittoria nella piazza omonima e il palazzo della Biblioteca Nazionale.

Vaduz in Liechtenstein: sicuramente non è una meta ambita dal turismo di massa.

Il cittadino medio italiano non sa nemmeno che esiste, figuriamoci se le farebbe visita! È comunque uno dei più ricchi paesi al mondo a livello di prodotto interno lordo, oltre che un paradiso fiscale. A parte ciò, forse anche il resto della popolazione europea lo ignorerebbe. Le poche attrazioni principali della città sono il castello medievale, attuale residenza del principe del Liechtenstein, la cattedrale di San Florin e il Kunstmusem, interessante museo di arte moderna.

principality-of-liechtenstein-284707_960_720

Skopje in Macedonia: le ragioni per cui Skopje viene snobbata dal turismo di massa sono similari a quelle di Sarajevo e Belgrado. La città offre alcune attrazioni come la Chiesa ortodossa di San Demetrio Megalomartire, il ponte di pietra sul fiume Vardar e la Makedonia Square, una piazza costruita di recente e nella quale si trova una statua equestre di Alessandro il Grande.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche